Postato il

 

Il sabato sera dell’alternativo

 E’ sabato sera e si muore di noia. Se c’è una cosa che ho sempre invidiato a chi vive nelle grandi città è la scelta. Ci saranno mille disagi, ma almeno quando esci alla sera hai a disposizione UNA SCELTA che non sia necessariamente quella di restarsene a casa. Non ti devi necessariamente adattare a quello che c’è, ma puoi cercare gente che ti assomiglia (con la speranza di trovarla). Sinceramente comincio ad avere una certa età e, avendo sempre meno voglia di scendere a compromessi, faccio fatica a non restare a casa sabato dopo sabato. E non è che mi manchi la voglia di uscire solo che, puntualmente, ogni volta che lo faccio e vado per locali, torno a casa con un inquietanti interrogativi (colorite i termini a vs. piacere) ovvero “ma cosa sono uscito a fare?” ed anche “ma che fine hanno fatto quelle trenta euro?”. Uscire dalle mie parti vuol dire infilarsi in un pub dove una media costa circa 4.5 € e di solito è allungata e, per tanto, fa schifo (scusate se sono stato tre mesi in Galles e so cosa significa bere birra decente), dove se hai la fortuna (?) di  trovare qualcuno che suona, normalmente è una stramaledetta cover band di un qualunque gruppo trendy che fa venire il latte alle ginocchia davanti a un pubblico di incompetenti che applaude per riflesso. Desolante, non trovate? E scusatemi se non prendo nemmeno in considerazione le discoteche o i locali dove si balla, ho forse troppo rispetto per me stesso… . Sì sì è colpa mia, mi aspetto troppo. Dovrei adeguarmi, certo.No, è più forte di me, non ci riesco… devo starmene a casa e più passa il tempo più mi convinco che è questo il vero sabato sera dell’alternativo. L’obiezione più comune può essere: “ma così ti si azzera la vita sociale!” -trattengo le risate a stento- vita sociale? VITA SOCIALE? Per cortesia. Le rare volte che faccio l’insano gesto di rivolgere le mie attenzioni a uno sconosciuto (ahem, una sconosciuta è mooolto meglio) mi ritraggo assolutamente schifato dopo tre battute scambiate (6-0, 6-0 tutti a casa, Wimbledon è finito!) nonostante io sia assolutamente sensibile al fascino femminile. Sarò io che attraggo personaggi malati a iosa, ma che cacchio, mettere insieme una frase di senso compiuto o trovare un tema di discussione decente non mi sembra affatto una pretesa assurda, del resto non ho neppure voglia di fingermi interessato a qualsiasi cosa per squallidi secondi fini (datemi pure dello scemo, visto che il mondo gira attorno a queste cose).Il risultato è dunque solo uno: starsene a casa e sperare in qualche evento ogni tanto… e meno male che ogni tanto l’evento arriva, anche se non questo sabato. 

 

Annunci

2 pensieri riguardo “

    HueGS ha detto:
    8 novembre 2005 alle 15:28

    Orpo… mi sa che capisco pure io. Il mio ultimo sabato sera è stato: a casa a guardare La Vita l’Amore e le Vacche. Poi è arrivato un mio amico, Paolino, ed abbiamo guardato assieme lo speciale di LA7 su Cicciolina.

    Però alla fine tutti i miei euro erano ancora in tasca, non avevo visto ragazzette in pantaloni a vita anale che mi fanno sentire vecchio e con Paolino mi son fatto un po’ di risate.

    Poi tanto c’è l’Afe Party tra due settimane…

    HueGS ha detto:
    8 novembre 2005 alle 16:15

    Prego. Passavo di qua, dopo aver visto i tuoi commenti sul blog di Mr. Roark.

    Apprezzo il tuo modo di scrivere.
    Ciao,

    Hue (…il GS ho dovuto aggiungerlo perché ‘Hue’ era già occupato come nickname).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...