Postato il

The missing link

Tra i links che vedete nella colonna a  sinistra ne manca uno che avrei davvero voluto mettere. Purtroppo non è più possibile, perché il gruppo in questione ha fatto perdere le sue tracce da qualche anno. Erano diventati un po’ gli idoli miei e del mio meccanico di fiducia e violentato le orecchie di alcuni nostri amici (tra cui il Roarche) che poi si sono rifiutati di parlarci assieme di nuovo. Verso la fine degli anni 90 (quand’è che ritornano?) le nostre orecchie furono sconvolte da un devastante mix di noise-sludge-doom-core, chi deliziava le nostre orecchie con tale mefitica mistura era un gruppo americano (poi entrato nel rooster della mai troppo elogiata Relapse records) che risponde al nome di NIGHTSTICK! Il primo contatto con tale entità avvenne al salone del vinile e cd che si tiene in appositi capannoni a poca distanza da Linate. Avevamo letto le recensioni ed il meccanico si decise ad acquistarne il secondo lavoro, dall’eloquente titolo “Ultimatum” … arrivati a casa lo ascoltammo di getto e ci venne il mal di testa… capimmo immediatamente che erano il gruppo che faceva per noi. Brutti, sporchi e veramente malati! Con un jolly da giocare non da poco, perché il loro quarto elemento era un Clown di nome Padoinka che catturò subito la nostra curiosità ed attenzione soprattutto perché sul cd stesso c’era stampigliata una esilarante sequenza nella quale il nostro si esibiva in una performance tossica (comprate il cd se volete saperne di più). Poi venne “Blotter”, il cd che i nostri incisero in prima di “Ultimatum”, lo trovammo a Torino durante uno degli innumerevoli tours “a fare la spesa” di cd, vista la enorme gamma di cd reperibile qui in provincia (no comment!)… ed anche lì chicche a non finire a partire dalla copertina (quando si dice la gente malata yuhuuu!) o una mastodontica versione di “Set the controls for the heart of the sun” letteralmente messa sotto i cingoli di un rallentatissimo (e rumorosissimo) suono distorto, con tanto di break centrale dove si sente chiaramente qualcuno che accorda le sua chitarra… geniale!  Poi il capitolo finale “Death to music” (esplicativo no!?) che, nonostante avesse avuto il grande merito di restituirceli in una forma discreta, mi mette addosso un po’ di tristezza perché poi ne abbiamo perso le tracce. Sono nate innumerevoli gags sui Nightstick e su Padoinka, ed i loro riffs sono stati cantati con improbabili distorsioni vocali alla fine di serate particolarmente ricche dal punto di vista etilico… come è giusto che sia. WEYMOUTH ROCK RULZ!

 

 

Annunci

5 pensieri riguardo “

    mr.roark ha detto:
    25 novembre 2005 alle 15:14

    ebbeh i nightstick regnano!!!
    sentito il disco che ti ho dato ieri sera? eheheh

    Nxero ha detto:
    25 novembre 2005 alle 15:25

    Grazie del pensiero, mi sto preparando spiritualmente all’ascolto!

    Bimbadivetro ha detto:
    1 dicembre 2005 alle 23:54

    ..ke senso ha farsi una domanda se conosci già la risposta?..

    notte..

    asjetta ha detto:
    3 dicembre 2005 alle 16:34

    🙂

    asjetta ha detto:
    10 dicembre 2005 alle 14:41

    beh se ti piace.. passeggiare nel bosco.. io sono lì.. mi hanno giudicato una fatina.. che dona luce.. io in realtà mi presentavo come una piccola strega..

    piacere di trovarti 🙂

    love Phx

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...