Postato il

Disorder
 
Il disordine è ciò che apre la via verso piaceri sconosciuti, visivamente introdotti dal grido siderale di una stella, picchi distorti di lunghezza d’onda su un inequivocabile sfondo nero. Un suono che pulsa da quel nero ed immagini che sfrecciano, spezzate come scatti in sequenza, una voce algida e tesa come una lama che scava la carne. Una voce incrinata dal tormento e richiamata da nastri magnetici o solchi digitali che tendono un ponte verso un’anima che perde il controllo. Bicchieri infranti ed esplosioni elettriche nel buio.
 La confusione nei suoi occhi dice tutto. Al centro della città tutte le strade continuano ad aspettarti e tu continua a cercare i tuoi amici che si persero nel deserto. Li hai visti? Hanno le lacrime agli occhi. Venimmo verso il basso. Cercando di trovare una via per uscire. Colori e forme diverse. Era lui. Che aspettava se stesso, che sperava in qualcosa di più. Giochi d’ ombre. Nel 1979. Abbiamo solo fatto passare il tempo. Abbiamo aspettato troppo. Fissandoci dall’interno. Ed eravamo estranei.
Annunci

9 pensieri riguardo “

    drunkprincess ha detto:
    4 ottobre 2006 alle 07:30

    mi piacciono moltissimo le ultime due righe…
    per me hanno un Significato..
    sono certa che lo sai, ma c’è un bel pezzo degli smashing pumpkins, si chiama 1979….
    un bacino

    Nxero ha detto:
    4 ottobre 2006 alle 12:43

    Sì, sapevo della canzone degli SP! Tra l’altro sono un gruppo con il quale ho un rapporto stranissimo, non avendo mai amato troppo la voce di Corgan ho sempre fatto una gran fatica ad apprezzarli (“Siamese Dreams” è veramente un gran bel disco!!!)… alla fine ne ho capito il valore (voce a parte) a forza di sentirli dagli stereo degli amici (vero Roarche?)…

    Il post (non so se si capisce) si riferisce a “Disorder” la canzone con cui si apre “Unknown Pleasures” dei Joy Division (che è del 1979 appunto) e le frasi in caratteri corsivi sono un a specie di cut-up (visto che “Interzone” si riferisce esplicitamente a William Burroughs) tra i testi delle canzoni che compongono il disco. Credo che il tuo apprezzamento dovrebbe andare a Ian Curtis anziché a me… ;-).

    Comunque grazie mille apprezzo molto ogni tuo commento!!!

    mr.roark ha detto:
    4 ottobre 2006 alle 13:27

    gli smashing pumpkins sono stati enooormi!!!
    un feticista di bootleg

    drunkprincess ha detto:
    4 ottobre 2006 alle 13:40

    ineffetti non avevo capito niente..
    dei jane’s addiction ho solo nothing’s shocking, e devo ammettere che sono un pò ostici per le mie orecchie..
    allora bravo ian!
    però concordo con mr. roark: i pumpkins sono stati enormi..
    e senza la voce di billy non sarbbero stati loro… io devo molto alla loro musica..

    (ovviamente tralascio qualsiasi commento su possibili reunion, zwan, e future embrace….)
    P.S. grazie che apprezzi anche quando non capisco una mazza!

    Nxero ha detto:
    4 ottobre 2006 alle 14:01

    …Non c’è problema, amo anche i Jane’s Addiction!!! Non fosse che la reunion ed i dischi successivi se li potevano risparmiare!!!
    Però, io stavo parlando dei Joy Division, il gruppo dark (post-punk) di Machester il cui cantante Ian Curtis è morto suicida alle porte degli anni ottanta. E che io amo profondamente…
    Non importa, magari ti ho aperto una porta :-). Se ti incuriosici clicca sulla scritta “Closer” nei miei links…
    Un abbraccio ed un saluto principessa!

    (per Roarche: no, non c’è problema per me… sai che sono per la freedom of opinion!)

    drunkprincess ha detto:
    4 ottobre 2006 alle 17:03

    ops!
    riecco! combino danni!
    so chi sono i joy division, e chi sono i jane’s addiction.. so anche che non sono la stessa cosa..
    è che ho letto di fretta il post e ho letto male..
    però non vorrei giustificarmi troppo, quando si sbaglia si sbaglia..
    mea culpa..
    machina non piace molto neanche a me, anche se rispetto il lavoro, ma non toccatemi adore!

    Nxero ha detto:
    5 ottobre 2006 alle 11:55

    …Mea culpa?? No dai, guarda che non sei fra gente snob… voglio dire che capita, non c’è nessun problema!!
    Per sdrammatizzare mi si lasci dire che (senza nulla togliere, anzi, alla bassista originale D’Arcy: le cose migliori le hanno fatte con lei…) le bassiste che si sono succedute nel “periodo di decadenza” non sono niente male (!!), Melissa Auf Der Maur è veramente avvenente e mi piace anche per certe cose che ho letto nelle interviste -il debutto omonimo della sua band è gradevole- e Paz Lenchantin oltre ad essere un altra bella ragazza ha pure suonato con gli A Perfect Circle… scusate se è poco!!!

    drunkprincess ha detto:
    9 ottobre 2006 alle 20:42

    meglio melissa di paz…
    però d’arcy (pur essendomi antipatica) dava quel non-so-che particolare…..
    qualcosa d’inimitabile..

    drunkprincess ha detto:
    11 ottobre 2006 alle 15:37

    a proposito di Ian Curtis, ho letto su un giornalino indipendente di musica che si sta preparando un film-biografia su di lui in cui reciterà (forse) Moby, credo come protagonista.

    ….bah…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...