Postato il

Funeral time again…

Annunci

6 pensieri riguardo “

    drunkprincess ha detto:
    10 dicembre 2006 alle 16:26

    questo mi manca…sembra Bocklin..
    cos’è, invece???
    mi piace l’assoluta calma, quasi che l’aria non si muova..

    P.S. E’ molto bello il post qui sopra, per chi non ti conosce non è semplice, ma si capisce che ti riferisci a momenti della tua vita che,sia belli che brutti, ti hanno segnato quasi dolorosamente.

    Esistono momenti in cui ci si gurada meglio e si scopre di aver perso tanti “Me” per la strada, così tanti che alcuni non si ricordano nemmeno più.
    Sono momenti tristi…
    Non so se volevi dire questo, non lo so perchè non ti conosco, ma leggendoti ho ricordato le volte che mi sento così…
    grazie.

    un abbraccio.

    Nxero ha detto:
    11 dicembre 2006 alle 16:42

    E’ esattamente Bocklin!!!
    E anche per quello che riguarda il post qui sopra, riferimenti letterari a parte, ci hai preso in pieno! Mi hai davvero impressionato… la sensibilità è una dote che apprezzo tantissimo. In effetti è un periodo pieno di ansia e malinconia.

    Abbraccio ricambiatissimo!

    drunkprincess ha detto:
    11 dicembre 2006 alle 19:38

    wow! sono colpita da me stessa per aver azzeccato bocklin!!
    🙂

    Non sono io sensibile, sei tu che sei bravo a comunicare le sensazioni…
    riferimenti letterari????
    che libro è???
    (sempre se ti va di svelarlo..)

    Nxero ha detto:
    12 dicembre 2006 alle 16:28

    Circa i riferimenti letterari: Ci sono tre figure femminili che mi hanno colpito (…) ovvero: ovviamente Ophelia da “Amleto” di Shakespeare, Margherita da “il Maestro e Margherita” di Bulgakov e Nastasja Filipovna da “L’idiota” di Dostoevskij. Il finale invece cita palesemente “L’uomo che ride” di Hugo… ma lungi da me qualsiasi volontà di esibizionismo letterario: mi sono piaciuti e ne parlo, ma tutto finisce lì.
    Per Bocklin il link è: http://gemaelde-archiv.gemaelde-webshop.de/gemaelde/std/arnold-boecklin-heiliger-hain-00551.jpg

    Lusingatissimo dalla tua curiosità.

    drunkprincess ha detto:
    12 dicembre 2006 alle 17:32

    Come dice daverio e come ho scritto nel post: je dois apprendre aux curieux..

    Cmq:il romanzo di Bulgakov ho in mente di leggerlo da tempo, quindi è uno stimolo in più.
    Dostoevskij lo adoro (il mio libro preferito in assoluto-fin’ora- è memorie dal sottosuolo, ma l’idiota ancora non mi è capitato di leggerlo… 😦 onta su di me!
    Hugo invece non so nemmeno dove sta di casa, cioè non ho mai letto nulla di lui ri-onta su di me.. 😦

    beh insomma sono da prendere a calci!! -_-‘
    (non so se può interessanti ma mi sto accingendo alla lettura di Allen Ginsberg “journals” ed è davvero bello, la scrittura è un pò sconclusionata ma è bello anche per quello!)

    grazie per il link! 😉

    drunkprincess ha detto:
    13 dicembre 2006 alle 17:34

    Burroughs è un Maestro.
    Leggerò Bulgakov, se me lo consigli tu ne vale sicuramente la pena..
    😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...