Postato il

Ogni maledetta domenica

 Così ci risiamo, con la fine delle feste si ripresenta tutta la situazione daccapo. Si ripresenta la domenica, giorno dedicato al riposo per eccellenza, ma per me da sempre fonte di inquietudine. Più che un giorno di festa assomiglia all’ora d’aria di un carcerato. Una pausa irreale affollata pensieri ansiosi di cose che non riesco ad allontanare dalla mente. il pensiero della sveglia e del lavoro fa scorrere queste ore, a volte impedendomi di goderne come dovrei. C’è una voce dentro di me che non posso zittire, un richiamo che non posso ignorare, un’insoddifazione cronica e la sensazione di essere intrappolato in una condizione che non mi appartiene.
 Tutto ma non la rassegnazione, il giorno nel quale mi rassegnerò a questa vita sarà il giorno della mia morte, sarà il giorno nel quale mi suiciderò come individuo, che esisterò solo in funzione della sopravvivenza e non della vita.
 Immagino come sarebbe se, per un istante, tutto tacesse in quei capannoni e ognuno si risvegliasse dal suo incubo ed uscisse fuori solo per guardare l’azzurro del cielo e si sentisse vivo per la prima volta in anni di lavoro. Una scena impagabile. Forse resa ancora più struggente dalla certezza che non si realizzerà mai…
 So che devo reagire ed ora vado a provarci.

Annunci

4 pensieri riguardo “

    DireWolf ha detto:
    13 gennaio 2008 alle 20:43

    Salve…
    Ho trovato il tuo Blog digitando nomi, di band che amo, per pura curiosità, per vedere cosa veniva fuori, se c’era qualcuno in Splinder che ogni tanto ascoltasse ciò che è il mio ossigeno e che avesse inoltre, cosa fondamentale, la testa che gli gira come si deve…

    E’ un modo come un altro per farti i complimenti, per il blog, per la musica che ascolti, senti, bevi e respiri, per come scrivi e per quello che scrivi.

    Un Saluto, mi permetterò di passare più spesso se capiterà, e se non ti disturba.

    Un Saluto.

    P.S. ce ne sarebbero anche altre cover notevoli..

    drunkprincess ha detto:
    15 gennaio 2008 alle 16:43

    nonono quel film proprio non mi piace, nemmeno Pacino ce la fa a sollevarlo.. 😦

    ti ho sentito parlare troppe volte di questo argomento, ho capito che reagire ti risulta faticoso (e secondo me, anche perchè non fai che pensarci), ma è una cosa troppo Tua perchè ti si possa dire qualcosa; perciò senti Henry Miller.

    ” […]la cosa mostruosa non è che gli uomini hanno tratto rose da questo mucchio di sterco, ma è invece che essi per una qualche ragione, DEBBANO VOLERE le rose. Per una qualche ragione l’uomo cerca il miracolo, e per ottenere questo è pronto a guadare un fiume di sangue. Si corromperà con le idee, si ridurrà un’ombra, purchè per un secondo soltanto della sua vita possa chiudere gli occhi all’orrore della realtà. Ogni cosa si sopporta: sfacelo, umiliazione, miseria, guerra, delitto, ennuì nella fiducia che dalla sera alla mettina accada qualcosa, un miracolo, che ci renda sopportabile la vita. E intanto dentro di noi gira un contatore e non c’è mano che possa raggiungerlo o fermarlo.
    […]E dal tormento interminabile e dalla sciagura non può venir miracolo, nemmeno il più microscopico vestigio di conforto. Soltanto idee, idee pallide, estenuate, che bisogna ingrassare con la strage; idee che vengono su come la bile, che affiorano come le budella di un maiale quando si sventra la carcassa.”

    (se non ci trovi alcun nesso, scusa l’OT)
    ti abbraccio

    drunkprincess ha detto:
    15 gennaio 2008 alle 16:48

    ah dimenticavo! mi pare che tempo fa avevi scritto de (oppure mi avevi consigliato, nn ricordo) L’ultimo re di Scozia.
    beh, grazie. film tostissimo, e bellerrimo! 🙂

    Nxero ha detto:
    15 gennaio 2008 alle 22:56

    @DireWolf: Non posso che ringraziare per quello che scrivi… ma effettivamente non so se “ho la testa che mi gira come si deve”… a volte mi gira e basta! Scherzi a parte… ho dato un’ occhiata rapida al tuo blog ed ho notato più di un punto in comune (la Svezia… io adoro la Svezia!) quindi mi fa piacere fare la tua conoscenza: passa di qui quando vuoi… probabilmente io contraccambierò volentieri le visite!

    @ Drunkprincess: Innanzitutto ben tornata!! Mi mancavano i tuoi commenti!
    A parte questo, ho capito cosa vuoi dire e ti ringrazio… sei sempre molto profonda e sensibile nelle cose che mi scrivi e lo apprezzo davvero tanto… riprendendo un discorso fatto qualche tempo fa… anche se non ti conosco come ti conosci tu, una persona mediocre non parla in questo modo!
    Quindi ho ragione io :-)!

    Abbraccio più che ricambiato.

    Ps: Contentissimo che “L’ultimo re di Scozia ti sia piaciuto”… temevo di essere un po’ di parte per la presenza di Mr. Whitaker! E beh, hai ragione, il film di Pacino ha di bello solo il titolo, per questo l’ho usato!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...