Postato il

Impressioni Dublinesi

 L’idea di un viaggio a Dublino in occasione del ponte per la festa della Repubblica si materializzò grazie ad un amico comune di entrambi i vostri affezionati Inavvicinabili. Il progetto coinvolgeva  un totale di otto elementi, tutti amici di vecchia data, tra i quali figurano anche i due protagonisti di qualche post ospitato su questo blog. Il viaggio avviene tramite la compagnia di bandiera irlandese ad un prezzo ragionevole, affittato un doveroso pulmino per otto i nostri si dirigono, con un anticipo imbarazzante, alla Malpensa ed ha inizio l’avventura. Il volo ha, ovviamente già un ritardo che supera l’ora quando i nostri riescono a staccarsi da terra. Tuttavia l’arrivo nella capitale Irlandese ripaga della noia patita.
 Dublino è una gran bella città, non ci saranno troppe cose da vedere ma già solo l’atmosfera è veramente molto bella, pubs in ogni angolo e vita che pulsa decisa alla sera. Mettiamo piede nella nostra camerata d’ostello verso le undici… ad attenderci quattro letti a castello ed uno spazio per muoversi razionatissimo.
 C’è chi mette da subito le carte in chiaro con un inquietante “Stasera vale tutto eh!” ed è chiaro che il minimo che ci si possa aspettare la mattina dopo è un’atmosfera ai limiti del respirabile (argh!)…. L’Oltranzista, che aveva manifestato sintomi di stanchezza per tutto il viaggio, si ringalluzzisce a contatto con la capitale, rompe gli induci e mi fa abbandonare stanza e compagni di viaggio per correre alla ricerca di una pinta al pub che si trova esattamente sotto all’ostello. La guinness qui è di casa ed è straordinariamente più buona che da noi… ha molto più “corpo” innanzitutto e cambia nettamente anche nel sapore!

La descrizione minuto-per-minuto del viaggio però si ferma qui anche perché sarebbe dannatamente noioso continuare a parlarne, mi permetto però di segnalare alcune cose che mi hanno colpito di Dublino:

Pubs e Fabbrica della Guinness: Come non parlarne? Ovviamente non abbiamo girato dappertutto, però i pubs sono tutti molto belli e ben tenuti… ed ognuno ha, chiaramente, la sua atmosfera anche se, dappertutto, mi sono trovato a mio agio: da quelli più tradizionali a quelli che propongono musica dal vivo. Ovviamente a fare la parte del leone è la birra di casa la scurissima Guinness! Visitarne la fabbrica è d’obbligo! E’ un complesso veramente imponente e mastodontico… già quando la si intravede da lontano si incomincia ad avvertire un bene augurante odore di “tostato”, poi una volta dentro tutto viene spiegato per filo e per segno con una bella accoglienza (tutto si svolge “all’interno” di una gigantesca pinta) che finisce solo nel bar-terrazza che offre, oltre a una pinta omaggio, anche una suggestiva visione a 360° sulla città!
 Però Occhio ai prezzi, lo store della fabbrica è in grado di vendervi qualsiasi cosa, marchiata col logo della birra, a dei prezzi a volte anche un po’ salati ed anche le pinte variano molto da luogo a luogo: vicino alla fabbrica c’è una simpatica “piola” dove si ritrovano persone quasi esclusivamente del luogo dove una pinta costa 4€, ma in centro siamo anche arrivati a pagarla 5.80€!!!

Ragazze irlandesi: Io e l’oltranzista ne siamo rimasti abbagliati e sbalorditi. Nonostante non siano mancate note di disappunto da parte degli altri partecipanti alla gita per la loro corpulenza (uff, che noia questo discorso, possibile che la bellezza si misuri in chilogrammi? E se ci piacessero proprio per la loro “abbondanza”?) e per la loro inettitudine all’abbigliamento (beh anche questo è vero, ma sinceramente a noi non importa!), noi ce ne abbiamo apprezzato il fascino. Le vedi camminare con tacchi a spillo sui cubetti, incuranti dei danni alle caviglie, noti i loro abiti succinti nonostante tu abbia quasi freddo con un maglione: alla fine ti chiedi se sono dei super eroi o cosa… e soprattutto in che stato si risveglino il giorno dopo considerando anche il tasso alcolico assolutamente lontano dall’essere nullo. A nostro parere sono affascinanti ed intraprendenti: chiedete un po’ all’Oltranzista che, più di una volta si è sentito palpeggiare all’interno dei vari locali! Per non parlare di quando si travestono “a tema” (e vanno fuori di testa!) per festeggiare l’addio al nubilato… una cosa è sicura: sono meno condizionate dai giudizi delle persone e questo le rende libere, emancipate e sincere nelle intenzioni… non so come spiegarmi diversamente!

Personaggi: Essendo il bere (unito ad un certo estro) lo sport nazionale c’è da aspettarsi di tutto, ma sempre in termini goliardici! Dagli scassati che danno uno spettacolo unico anche solo nel cercare di reggersi in piedi agli artisti di strada, a volte davvero estroversi.

Negozi di dischi: Non fermatevi alla prima impressione: la parola d’ordine è spulciare fino all’ossessione, solo così scoverete delle chicche inaspettate quanto soddisfacenti anche nei negozi che, se fossimo in Italia, non vi degnereste nemmeno di visitare… ma ho già in programma un post apposito quindi non anticipo nient’altro, se non che i prezzi si mantengono, in media, al di sotto di quelli italiani (e ti pareva!).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...