Let there be madness!

Postato il Aggiornato il

Madness Logo

Ok, non meniamo il cane per l’aia, io di ska non ne so nulla, non ci capisco niente della Giamaica e di come una tale cultura possa trovare spazio nella Londra di fine anni ’70, figuriamoci se poi mi avventuro in altre questioni. Eppure te ne stai tornando a casa dopo aver passato una serata in amicizia e, casualmente, la radio trasmette “Baggy Trousers” e ti viene voglia di sentirti allegro come non sei più stato da mesi. Maledetti Madness!

Del resto se, durante il loro concerto dopo la ricomposizione del gruppo, sono stati in grado di far letteralmente tremare la terra a Londra possono ben riuscire in un’ impresa infinitamente più semplice come portare una ventata di buon umore nella testa di uno che ha tra sue caratteristiche genetiche quella di vedere sempre tutto nero come se portasse perennemente gli occhiali da sole come Suggs, il loro cantante.

Come avete detto? Non credete al terremoto causato dai Madness?? Eh, lo so, costa fatica a un metallaro incallito ed incartapecorito ammettere che una band in grado di provocare un terremoto fosse dedita allo ska e non al metal, ma che ci volete fare? Il concerto ha luogo a Finnsbury Park, nella mia amata Londra del nord (la zona che include anche Camden Town per capirci, e quella alla quale sono più legato, perchè fu la prima con cui entrai in contatto ormai millenni or sono) nei giorni 8 e 9 agosto del 1992 dopo che il gruppo si era diviso nel 1984. Pare che il danzare simultaneo di tutte le persone intervenute abbia raggiunto la frequenza critica e sia entrato in risonanza con i palazzi del luogo (un po’ lo stesso fenomeno per il quale è vietato ai soldati di tenere il passo quando transitano sui ponti…) causando rotture alle finestre ed il crollo di un balcone!

La UK’s Health Protection Agency ha così commentato l’accaduto (la leggenda vuole durante l’esecuzione della ultra-famosa “One Step Beyond”):

“Una delle indagini più bizzarre condotte da BGS utilizzando la sua rete sismica, era in collegamento con un terremoto riportato a farsi sentire fortemente a nord di Londra nel mese di agosto 1992, quando tre blocchi di appartamenti (8-9-piani) sono stati evacuati in seguito danni di lieve entità che includeva la rottura di alcune finestre e un balcone rotto. La nostra rete sismica ha dimostrato che non ci fosse stato un terremoto o un’esplosione,  siamo stati in grado di dedurre che la causa era risonanza istituita dal ballo a un concerto rock dei Madness vicino a Finsbury Park. La frequenza di risonanza della danza si è sintonizzata armonicamente con la frequenza naturale dei condomini di questa altezza, in modo che il movimento è risultato amplificato.”

Se fossi Bart Simpson mi verrebbe da dire “fiiiiiico”!

Questo post è rispettosamente dedicato alle ingiurie che riceverò da Vera Marte: guarda che faccio il sapiente ma la faccenda del terremoto  c’è su wikipedia! 😉

Annunci

3 pensieri riguardo “Let there be madness!

    © Vera Marte ha detto:
    5 ottobre 2012 alle 15:43

    Tu però mi istighi…
    E pensare che questa volta le mie ingiurie erano destinate a essere messe in secondo piano causa proposta indecente: ci riproviamo????? 😀
    Se è possibile procurarsi tutti i dati tecnico-scientifici del terremoto “artificiale”, significa che si può provare a “bissare” l’evento e, perché no, magari perfino a batterlo, tipo Guinness (il primato, non la birra 😛 )!!!
    Inutile dire che noi ci si riprova col metal… 😉
    Sai che figata un sisma causato da un maxi pogo o un headbanging di massa?! \m/

      nxero ha risposto:
      5 ottobre 2012 alle 15:48

      Ovvio che istigo, hai cominciato tu 😛

      Comunque hai assolutamente ragione, sarebbe veramente una cosa leggendaria!!!

        © Vera Marte ha detto:
        5 ottobre 2012 alle 16:06

        Dai, sfruttiamo tutta questa invadentissima social-tecnologia: organizziamo un flashmob e tiriamo giù le volte della Galleria Vittorio Emanuele!
        FUCK YEAH!!! \m/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...