Casca insano sonno

Postato il

Il sonno, in quanto dimensione di oblio, mi ha sempre affascinato. Dove siamo quando dormiamo? Lo spirito è libero di vagare mentre il corpo giace? E le visoni che si affollano sotto le palpebre, da dove provengono? Quando qualcosa mi inquieta, la prima cosa che perdo è il sonno: la camera da letto diventa una sorta di oscuro abbraccio in muratura che sei incapace di abbandonare fino a quando il sole filtra dalle fessure, la mattina dopo. A volte lo sguardo vaga attraverso l’ombra più impenetrabile o segue un sottile sentiero di algida luce lunare che percorre la stanza.

Il sonno visto come oblio è una concezione strana: mi sono sempre chiesto che senso abbia per i bambini diventare intrattabili quando sono stanchi, non potrebbero semplicemente dormire? Cosa li fa inquietare, li fa piangere, li fa fare i capricci? Temono di eclissarsi, forse, temono di sottrarsi dalla vista del mondo e dei loro genitori che si affacciano sul lettino? Quale silenzio regna tra le case quando ognuno riposa, dove abitano gli incubi ed albergano gli sguardi che balenano nella mente.

Ultimamente, e sempre più spesso, la nausea accompagna le mie ultime ore vigili, una nuova sensazione per questo stato d’animo. Non aver voglia di dormire, di infilarsi tra le coperte e sottrarsi al mondo. Non è giustificabile per uno che, in questo mondo, ha sempre sostenuto di non essere in grado di trovare un proprio posto, un proprio incastro. Eppure staziono in bagno, mi rigiro su me stesso, tartaglio mille scuse per rimandare il momento come se non volessi porre fine al giorno, come se nulla di concreto si fosse compiuto lungo l’arco percorso dal sole. Una costante insoddisfazione ed inquietudine: una cocente sensazione di disagio per un giorno ammonticchiato approssimativamente tra gli altri.

Una sensazione involontaria ma non casuale. Un sigillo di insoddisfazione da porre in calce alla giornata.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=iQE0pfBAYQ8]
Annunci

3 pensieri riguardo “Casca insano sonno

    Scribacchina ha detto:
    13 gennaio 2013 alle 15:11

    A parte il condividere l’impossibilità a prendere sonno se c’è qualcosa che mi riempie la testa (negativa, ma anche positiva), mi diverte notare come tutte quelle visioni che si affollano sotto le palpebre sono tutte rielaborazioni del cervello di realtà e immaginazione, uno strano miscuglio 🙂

    © Vera Marte ha detto:
    14 gennaio 2013 alle 17:26

    Io la vedo al contrario. E’ il giorno il momento dell’oblio, perché le azioni obbligate della quotidianità prendono il sopravvento sul nostro vero io, rendendoci tutti automi, tanti bei soldatini allineati che si alzano, vanno al lavoro, tornano a casa e se ne vanno a dormire, o almeno ci provano, solo per ricominciare tutto nello stesso identico modo il giorno dopo…

    nxero ha risposto:
    16 gennaio 2013 alle 16:38

    Non ho risposto ai due commenti, non per cortesia ma semplicemente perché mi pare che non ci sia nulla da aggiungere… comunque grazie!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...