Vanishing point

Postato il

Ad un tratto un punto di fuga si palesa all’orizzonte. Una terapia per l’abitudine, Una forzata distrazione da ciò che distrae. Avanza. Ti inghiotte e ti risputa fuori. Sano, disintossicato e vulnerabile alle porte del mondo. Fa freddo. Una dura lezione da imparare. Una lezione che un padre comprensivo ha aspettato fin troppo per impartire. Un colpo secco al retro delle ginocchia. Il fragore delle rotule incrinate che si scontano col terreno. Alla fine chi voleva scappare è stato ripreso. La rivincita della realtà. I nodi che vengono al pettine, le gambette corte delle bugie.

Così, per dire, la tentazione non è morta.

Annunci

4 pensieri riguardo “Vanishing point

    Rocco ha detto:
    25 settembre 2013 alle 10:07

    perché tutta questa negatività ?

      nxero ha risposto:
      25 settembre 2013 alle 21:33

      Più che negatività, per dirla con gli alchimisti direi nigriedo. La fase del caos e del disordine, dell’azzeramento delle abitudini, delle sicurezze. Un punto zero, oltre che un punto di fuga, la fuga forzata c’è stata ed è stato come abbandonare le certezze. Spaesamento dal quale non è detto però che non si apra un nuovo capitolo, non necessariamente peggiore di quello alle spalle. Ogni cambiamento costa dolore all’inizio, specie se è forzato dalle circostanze, da te stesso.

        rocco ha detto:
        25 settembre 2013 alle 21:47

        ma sorridi un po’ di più che la vita è bella …

        nxero ha risposto:
        25 settembre 2013 alle 21:49

        😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...