Libri nati tra la schiuma

Postato il Aggiornato il

Non leggo mai l’introduzione di un libro, non ne leggo mai nemmeno la postfazione, le recensioni e raramente ascolto le altrui opinioni, a volte posso raccogliere delle influenze esterne ed a volte no. Quando raccolgo delle influenze esterne capita che lo faccia traendo spunto dalla musica. Lessi, e diventò uno dei miei libri preferiti, “E Johnny prese il fucile” di Dalton Trumbo per via di “One ” dei Metallica (ah, che tristezza i Metallica), oppure “La peste” di Camus grazie a  “Killing An Arab” dei Cure, “La Campana di vetro” di Sylvia Plath grazie agli High On Fire e così via.

Quando seppi che “Paranoid Android” dei Radiohead (che apprezzo solo a tratti) era ispirato a “Guida galattica per autostoppisti” mi avvicinai a questo libro di Douglas Adams e, cosa strana, ne lessi anche l’introduzione. Lì viene narrata anche la genesi del libro che è qualcosa di singolare…

L’autore si trova a girovagare, a forza di passaggi ricevuti a caso, per l’Europa all’inizio degli anni ’70. L’inglese non credo fosse diffuso ai livelli odierni e, dopo aver cercato inutilmente di ottenere informazioni dai passanti viennesi, decide che fosse il caso di ingurgitare un paio di birre. Due gösser a stomaco vuoto penso che possano fare un certo effetto.

E l’effetto fu che il nostro Douglas si assopì in un prato cittadino e, svegliandosi a notte fonda, aprì gli occhi e osservò le stelle. Pensò che se ci fosse stata una “Guida galattica per autostoppisti” sarebbe partito subito. E ne tirò fuori addirittura una serie radiofonica, un ciclo completo di libri  e credo un film. Potere della birra. Potere alla birra!

Goesser Bier
Goesser Bier

10 pensieri riguardo “Libri nati tra la schiuma

    © VeRA Marte ha detto:
    26 settembre 2013 alle 11:05

    Будем здоровы!!! 😉

    Scribacchina ha detto:
    26 settembre 2013 alle 16:24

    Accidenti… mi manca! devo leggerlo! 😀 (in realtà credo mi manchi anche la Gösser – credo… 😛 -, ma temo che cercarla dalle mie parti sia un’impresa impossibile 🙂 )

      nxero ha risposto:
      26 settembre 2013 alle 16:27

      Molto austriaca! Fino a poco tempo fa io la trovavo nei discount (!) benchè sia una birra tutt’altro che da discount… tu sei anche più vicina all’ Austria, non si sa mai 😉

        Scribacchina ha detto:
        26 settembre 2013 alle 17:05

        Ho capito: prossima volta che vado a fare la spesa la cerco 😛 anche non mi sembra di averla mai vista… però vai a sapere…

      nxero ha risposto:
      26 settembre 2013 alle 16:30

      Il libro invece è mooolto british anche come humor, se ti piace il genere, associato alla fantascenza è tutto un programma, il ciclo completo di romanzi dura la bellezza di 650 pagine comunque!

        Scribacchina ha detto:
        26 settembre 2013 alle 17:04

        Conta che Tre uomini in barca me lo sono riletto un po’ di volte, quindi direi che come genere ci siamo 🙂 650 pagine sono un’opinione, dipende sempre dal corpo del testo (metti che è corpo 30, hehe…)

        nxero ha risposto:
        26 settembre 2013 alle 22:04

        In effetti, poi se è scorrevole e simpatico, si-può-fare!

    Mira Queen ha detto:
    8 ottobre 2013 alle 12:29

    Potere della birra!
    Io amo leggere introduzioni e postfazioni dei libri, ma questo l’ho letto in una versione economica priva di tutto ciò… e guarda cosa mi ero persa.

      nxero ha risposto:
      8 ottobre 2013 alle 17:51

      Eh io l’ho letta per puro caso…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...