Nero in copertina

Postato il

packshot1-768x768

Nick Cave appartiene a quel periodo della mia (fortunata) formazione musicale nel quale ogni nuovo artista che incrociava il mio udito rappresentava un viaggio, un mondo da scoprire, una terra incognita da esplorare. E di cose da scoprire con lui ce ne sono state tante, molto poche rassicuranti, comode o semplici ma molto spesso intense, ispirate e sincere.

Nick Cave ha rappresentato, per me, un prototipo dell’artista, uno che non teme di mettersi a nudo, fin sotto la pelle, tra i muscoli, in mezzo alle ossa, dentro al midollo. Nick the stripper, appunto. E quando uno con quella fama pubblica un disco dalla copertina nera e dal titolo Albero scheletrico cosa puoi aspettarti?

Ammetto che ci eravamo allontanati: album come Nocturama o Dig, Lazarus, dig!!! (ma non il meraviglioso doppio Abbattoir blues/Lyre of orpheus) o anche il secondo Grinderman mi avevano un po’ deluso ma poi Push the sky away aveva magicamente riacceso la luce sul gruppo, tutto in quell’album (a partire dalla copertina sovraesposta) appariva pieno di luce anche se rarefatto (non che sia un male, beninteso) e comunque distante dalle vecchie produzioni, ma in modo interessante e fresco.

Poi la tragedia che una volta ancora ha colpito quest’uomo, la tragica perdita del figlio. Il nero che scende su di lui. E lui che ritorna alla radice: al suono delle sue corde vocali. E’ un processo che mi sembra familiare, di fronte ad una tragedia torna a ciò che conosci, ad un porto sicuro a qualcosa su cui puoi contare e riparti da lì. E lui riparte dal nero, riparte dalla sua voce dalla sua fedele compagna, anno dopo anno, incisa sui suoi dischi. Ha portato la sua poesia a tante, tantissime persone che in essa si sono riconosciute, perse, ritrovate ed in fine ammantate di bellezza, per quanto a volte tragica o sporca, sicuramente mai facile.

Stavolta la musica gli fa da cornice, resta in sottofondo, lo accompagna facendosi sentire, ma con discrezione, quasi rispettosa dell’abisso nel quale Cave è stato costretto a guardare.

Ho letto parole come capolavoro per definire quest’album. Non so se lo è, so che non ha bisogno di esserlo. Il tempo dirà come potrà incastrarsi nel suo immaginario, nelle sue esperienze, nella sua vita. Ma a ben pensarci, importa davvero?

Se volete la mia opinione, no non importa. Liberatevi dalle domande e ascoltate, riascoltate e ascoltate ancora poiché questo lavoro ha tanto da dire, senza inutili sovrastrutture o classificazioni. Non perdete tempo a analizzare, a formulare opinioni, una volta tanto non ce n’è bisogno. Tutto è sotto i vostri occhi, a cavallo di quel particolare filo che unisce musicista ed ascoltatore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...