Mese: marzo 2019

Parental Advisory

Postato il Aggiornato il

220px-Parental_Advisory_label.svg

Avviso: Conformemente a quanto proposto da “Tipper” Gore nel lontano 1984 appongo prima di questo post una apposita etichetta che avverte dei contenuti espliciti ed (eventualmente) offensivi del medesimo. Inoltre mi riservo di non ledere la sensibilità di coloro che leggono mediante l’avviso iniziale, credo almeno di aver avvertito. Ribadisco che la mia “linea editoriale” (ahahah) non prevede la correttezza, questa non è una testata giornalistica ma rispecchia solo le mie idee: criticabili, soggettive, arroganti ma pur sempre mie. Io sono aperto al dialogo e consapevole di non essere depositario della verità assoluta. Non mi stancherò di ripeterlo, anche perché è un concetto che, evidentemente, non passa.

A un certo punto degli anni novanta, verso la fine credo, nella mia cerchia di amici dediti alla musica più o meno alternativa vennero fuori dei nuovi nomi che si misero ad ascoltare più o meno tutti. Incuriosito da questa nuova, ed in taluni casi spasmodica, attenzione incomiciai a prestare l’orecchio a queste nuove sonorità, trovandole rivoltanti.

I colpevoli di tali nefandezze sonore si chiama(va)no Daft Punk, Prodigy e Chemical Brothers. Ci ho provato e riprovato ma non c’è verso, mi fanno proprio venire in mente la scena de “L’attimo fuggente” quando il professore parla di ridurre ad un grafico l’importanza di un componimento, un allievo scrive una cosa tipo “la gatta è sul tetto” ed il professor Keating gli fa i complimenti per aver centrato l’origine degli assi cartesiani. Se mettiamo sull’asse delle x la musica e su quello delle y il testo, questi gruppi (?) centrano esattamente l’origine, proprio come il componimento risibile del ragazzo. Sono lo zero assoluto.

Musicalmente li trovo insopportabili. Come se, ad un certo punto, si tentasse di nobilitare i tamarri al rango degli alternativi. Ma per piacere, l’operazione gli sarà anche riuscita con i più, con me non attacca. Non vedo molta differenza tra loro e la musica da discoteca, gente che smanetta con piatti, campionatori o react table tirandone fuori un suono plastificato e vuoto, con un costrutto ed un intenzione sonora che musicalmente, se il metal sta alle elementari, loro forse sono alla nursery se non addirittura ancora nell’embrione. C’era tutta questa mania per i “suoni”, si diceva all’epoca: “senti che bei suoni” bah.

Premesso che preferisco sempre quello che si suona al come lo si suona, se mi parlate di cose come il trip hop che pure era un genere tirava all’ epoca posso darvi ragione, se mi parlate di Bijork anche. Nel metal ci furono Fear Factory (“Demanufacture”!), Nine Inch Nails (“The downward spiral” entra di diritto nei primi 5/10 dischi da avere degli anni ’90) e Genghis Tron (se non li avete mai sentiti provate “Board up the house” che è una bomba! Anche se è del 2008) a tentare con successo la carta dell’elettronica. Ma nel caso dei gruppi (?) di cui sopra direi proprio che non ci siamo e non solo perchè niente batterà mai una SG con un amplificatore valvolare sull’ 11 (anche per questo chiaramente).

Vogliamo davvero soffermarci sui testi? Il top lo si è raggiunto in un libro che mi hanno fatto leggere dove si afferma che il testo di “hey boy, hey girl” sta alla nostra (?) generazione come “mi illumino d’immenso” sta a quella di Ungaretti. No dai non fatemi davvero commentare questa roba che poi divento cattivo sul serio. Davvero volete che io dica qualcosa su una canzone che ripete un numero ignoto di volte Suck my ketchup oh, scusate, Smack my bitch up!? o Around the world, around the world? Va a finire che nemmeno il bollino che ho messo all’inizio diventa sufficiente per coprire le mie sensazioni a riguardo.

Tutto questo per dire che la morte di una persona (in questo caso, il suicidio) è una tragedia, anche se questa persona fa parte di un gruppo che propone musica che detesto, ma non sarò mai abbastanza ipocrita da dire niente di diverso da quello che ho scritto sopra.

Intanto pare che i Genghis Tron ritornino sulla scena…

Ludwig Van Eddohven

Postato il Aggiornato il

P1020215.JPG
Edda Live allo Spazio 211 10/02/2018

 

Sono quasi quasi tentato di rimangiarmi tutto quello che ho scritto su san remo, solo per far partecipare Edda e vedere le facce di pubblico e critici mentre canta uno dei suo testi: onestamente non avrebbe prezzo. Ma questo è un pensiero che scaccio via subito.

Dopo il suo disco capolavoro ovvero “Graziosa utopia” adesso è tempo di “Fru fru” e non  è stato amore a prima vista. Anche perché il precedente più che mai aveva creato un mare di aspettative, almeno per il sottoscritto. Ma quello che ha di bello Stefano  Rampoldi è che è imprevedibile e senza filtri (vedasi il suo delirante profilo facebook, una roba che vale la pena di iscriversi solo per seguirlo). Io, comune mortale, avevo avuto l’assurda arroganza di pensare di averlo capito, ingabbiandolo nelle mie aspettative. I due anni passati evidentemente mi avevano fatto scordare la sua personalità unica.

Durante il primo ascolto mi è partito un malevolo “ma che cazzo è ‘sta roba!”

E per un altro paio di volte la reazione non  è stata molto diversa. Perché il nuovo parto dell’ex- Ritmo Tribale è una tremenda accozzaglia pop-synth-funk. Proprio tremenda, con dei testi ancora più strampalati del solito, tanto che ipotizzare che sia tornato a farsi non sembra un’idea campata per aria (anche se non glielo auguro). Poi uno realizza che è pur sempre lui e che, al pensiero che stai schifando il suo nuovo lavoro, la sua reazione sarebbe una grossa risata.

Ed il senso ultimo di “Fru fru” è proprio questo: una grossa risata. Dopo l’autoritratto sofferto di “Semper Biot”, la radiografia al negativo di “Odio i vivi”, le coltellate da schivare di “Stavolta come mi ammazzerai” e la sublimazione lirico-musicale di “Graziosa utopia” ci aspetta una grossa risata. Forse l’evento tragico della morte della madre ha portato a questo: ad una disconnessione dalla serietà, dai temi pesanti come macigni che pure è stato in grado di trattare nei dischi precedenti (detto per inciso “Edda”, la canzone dedicata alla madre è l’eccezione che conferma la regola in questo lavoro). Forse semplicemente era tempo di mettersi in discussione e sfornare un’opera che spiazzasse tutti (o almeno me) nel suo comico nonsense dei testi e nelle scelte sonore spesso dancerecce ma mai scontate o volutamente ruffiane.

Per apprezzarlo devi lasciarti andare, dimenticare i dischi passati e realizzare che, ad un certo punto, ci sia bisogno di farsi una risata, di vedere che faccia fa la gente quando la spiazzi con dei testi pieni di bestialità (incesti, droga pesante ai minorenni, scene da film pornografico etc…) e tenuti insieme da una logica stralunata e che a malapena intuisci. A un certo punto è possibile che servano degli arrangiamenti fatti per essere ballati, con troppa elettronica rispetto a quanto sei solito fare. Quando realizzi tutto questo, ti ritrovi ad ancheggiare come uno scemo mentre sei in giro a passeggiare con il disco in cuffia e scusate se è poco.

Edda rimane comunque uno degli artisti più sinceri e veri del panorama italiano, il suo nuovo lavoro alla fine non ti si scolla dalla testa, anche se il modo con cui ci si appiccica assomiglia molto al modo con cui la carta igienica si attacca alla suola delle scarpe e se sapesse che sto scrivendo una cosa del genere probabilmente ne andrebbe fiero. Non si può non rendergli il dovuto omaggio. Grazie Edda.

saḿsāra-dāvānala-līḍha-loka!!!

Maschera da guerra

Postato il

800px-MAP_Expo_Somen_02_01_2012
Somen- Fonte Wikipedia (Vassil)

L’approccio con “Adversus” è stato unico nel suo genere, almeno per quel che mi riguarda. E’ stato uno dei pochi album che abbia scaricato legalmente e poi acquistato nel suo formato fisico talmente mi piaceva. La prima volta che l’ho ascoltato era mattina prestissimo. Svegliato verso le quattro, dopo mezz’ora di giravolte mi rendo conto di non essere in grado di riprendere sonno, mi alzo, faccio colazione e poi mi domando se sia il caso di andare a fare una passeggiata, mi vesto ed esco nel freddo di una mattinata di dicembre.

 

E’ tutto buio fuori, l’aria tagliente e parte storia di una lunga guerra. Da principio non ascolto molto: mi concentro sui passi, sui muscoli, sul paese che dorme attorno, anche le stelle nella loro fissità apparente. Poi il movimento diventa automatico e gli occhi si abituano al buio, il corpo al freddo e la musica entra. Non solo nelle orecchie.

Da bravo vetero metallaro sono sempre quantomeno dubbioso verso altri generi di musica. Sono molto più esigente quando ascolto gente che non suona con doppia cassa e chitarre distorte. E’ un mio limite e lo riconosco, però uscire dalla propria zona di conforto è un’esigenza, per non appiattirsi sulle proprie convenzioni, per ampliare il modo di concepire la musica, per non soffocare nel consueto, per restare vivi.

Il disco si snoda come le strade di un paesino di collina, una prefetta commistione tra parole, note e paesaggio. Ci studiamo con un cane per la strada, poi ognuno prosegue per la sua. La ventata di aria calda e profumata fuori dalla panetteria. Il cielo limpido sopra la testa. Siamo io e le canzoni.

Parlano di me. Con precisione. Parlano di cicatrici, ferite e sbagli, di vite passate ad incassare e a rialzarsi. Parla di tenacia, di resistenza e di orgoglio. In mezzo a queste cose ci sono anche io. Raramente nell’ultimo periodo mi è successo di sentirmi tanto affine a un disco. Raramente nell’ultimo periodo un disco mi ha messo in corpo tanta forza nell’affrontare il quotidiano. E mentre il disco prosegue inizia a fare parte di me.

Esattamente come questi passi, come queste strade che prima dell’alba assumono un aspetto diverso eppure familiare. Siamo figli della stessa rabbia, fratelli dello stesso disagio. Gente che ha imparato a non arrendersi, gente che ha bisogno di riaffermare il proprio diritto ad essere, se non unica, almeno se stessa.

Un giorno sta per cominciare e non ti aspetta. Ed anche se il tempo è riuscito a togliere la brillantezza dalle utopie giovanili, ancora non ci ha ucciso e non ha spezzato i nostri sogni. Chi si ferma è perduto, non torna indietro neanche un minuto.

Ad un certo punto la mia intransigenza mi stava strangolando ed ero schiavo delle mie stesse idee. Ho dovuto allentare la presa e mi sono sentito sconfitto, rinunciatario e debole. Pensavo che sarei morto, prima ancora avrei voluto non essere mai nato, invece il respiro non si è fermato ho raccolto i frammenti dello specchio con la mia immagine sopra e sono andato avanti. Avevo perso la battaglia, ma ero vivo e sapevo chi ero. Almeno ne avevo un’idea più precisa.

Alla fine della passeggiata ho fatto un viaggio dentro me stesso. Nel mio cortile alzo gli occhi e le stelle cominciano a girare attorno ad un fulcro, finché tutto non ritorna. Ed il giorno comincia. Eppure siamo qui. Con una maschera da guerra sul volto, segnata, scalfita ed a volte rotta, ma il tempo è passato e lei ha fatto il suo dovere, occorre osservarla bene per leggere le storie che racconta.