Blizzard Of Ozz

Tredicesimo arcano

Postato il

13 è il titolo del disco della reunion dei Black Sabbath, 13 maggio 1970 è la data di uscita del primo album del gruppo e il 13 torna ancora perché il 13 settembre del 1980 usciva quel capolavoro che risponde al nome di “Blizzard of Ozz”. Quasi 40 anni. Oggi tutti parlano dell’ultimo disco di Ozzy ed io voglio spendere invece due parole sul primo. Del ritorno del Madman si è già scritto tanto, le fazioni si sono divise, si sono sprecate le parole. Ma io non l’ho ascoltato, lo farò con calma se ne avrò l’occasione, non mi sfiora l’ansia di doverlo fare. Blizzard però rimane, ad oggi, uno dei miei dischi preferiti in senso assoluto.

E “senso” è proprio una delle parole che mi tornano in mente più spesso pensando ai primi due dischi del principe delle tenebre, perché è successo spesso che mi gettassi tra le braccia di questi due lavori nei momenti di maggiore sconforto, quando sentivo spegnersi una speranza, quando, in qualche modo, sentivo spezzarsi qualcosa dentro. Bastano due o tre canzoni per ricordarmi perché sono vivo e cosa significa esserlo.In pratica servono a farmi sentire vivo di nuovo e non credo sia poco.Inoltre quando sento suonare Randy Rhoads spesso mi commuovo. Potrebbe succedere, ed in effetti succede, con mille altri musicisti o cantanti, però Randy che suona è sempre un’emozione speciale, qualcosa che stento a descrivere a parole, qualcosa che mi è impossibile rendere compiutamente agli altri.

Potrebbe essere la suggestione per la fine prematura e tragica del giovane chitarrista, probabilmente c’è anche questa componente, tuttavia quello che importa è come mi fa sentire. Perché non sto parlando oggettivamente della musica contenuta nel disco, ne sto parlando soggettivamente e, rimarco, in modo fieramente soggettivo. In anni ho sentito mille critiche ai primi due dischi di Ozzy e lui stesso (sarebbe meglio dire la sua manager) quando fece risuonare le linee di basso e batteria di sicuro non ha smorzato la cosa, ma onestamente chissenefrega se l’intro di tastiera di “Mr. Crowley” ha un suono anni ottanta ai limiti del pacchiano, se esistono brani e leggeri che possono passare per riempitivi some “No bone movies” e “Little dolls” (“In diary of a madman”), oppure se sembra che lo stesso cantante non abbia scritto una parola dei testi… potete trovare mille difetti a questi due dischi e per me saranno sempre perfetti. Impermeabili a tutto, un po’ come quell’amico a cui concedete dei comportamenti che normalmente disapprovereste talmente è grande la vostra amicizia nei suoi riguardi.

Il disco si apre con un suono che non ho mai saputo meglio descrivere, non so esattamente cosa sia ma, complici i cartoni animati giapponesi dei quali abusavo in infanzia, ho sempre pensato che fosse il suono di un’astronave in arrivo. Quando parte “I don’t know” invece lo so benissimo cos’è successo: è partito un disco ed insieme ad esso sono partiti ricordi, sensazioni e pelle d’oca. Parte razionale, parte emotiva, tutto fuso assieme. Per i successivi 40 minuti è solo magia. Magia di un piccolo Chitarrista che quasi scompariva dietro la sua Les Paul bianca ma che poi usciva 30 volte più grande, mostrando la sua vera statura, da quei Marshall bianchi che lo contraddistinguevano. Un vero Gigante. Magia di un cantante con un timbro assolutamente unico (e checcazzo anche ineguagliato, nonostante tutto) dall’indole assolutamente folle, instabile e completamente fuori di testa. E diciamo anche che la sezione ritmica Kerslake/Daisley offre una prestazione assolutamente all’altezza dei due fuoriclasse di cui sopra… tanto che sia Bordin che Trujillo (assolutamente non i primi venuti) dichiarano tutto il loro disagio nel dover ri-registrare le parti nel 2001.

E poi possiamo parlare dei riff selvaggi ed immortali di “Suicide solution” (dedicata a Bon Scott, a quanto pare), dell’esoterica magia di “Mr. Crowley” nella quale gli assoli di RR sembrano squarciare l’aria con una grazia ultraterrena e terremotante al tempo stesso, dell’irruenza incontenibile dell’attacco di “Steal away (the night)” nella quale mi si ferma il cuore ogni volta che Ozzy canta “run away with me tonight”, della cupa riflessione di “Mother Earth”, della struggente “Dee” dedicata da Randy alla madre (purtroppo anch’essa passata a miglior vita in tempi recenti), di “Goodbye to romance” che in condizioni normali troverei trascurabile e sin troppo sentimentale e invece finisce sempre per farmi pensare agli amici che ho perso lungo la strada e alle ragazze cui ho voluto bene come un nostalgico cuore tenero qualsiasi, di “No bone movies” che giustamente regala un attimo di pausa allegra e della Bonus track emersa tempo dopo “You looking at me, looking at you” che apporta altra vita al disco. Ah, c’è anche “Crazy train” ma che ve ne parlo a fare? Perchè nonostante alcune volte le tematiche siano cupe o tristi ho sempre pensato, lo confesso, che “Blizzard” sia un disco assolutamente solare. Ha l’energia della vita e la vastità dell’orizzonte.

Il tredicesimo arcano, come molti già sapranno, è La Morte. È l’arcano della trasformazione e non ha necessariamente un significato negativo. Dai Black sabbath alla sua carriera solista il cambiamento è stato fortissimo, tutt’altro che indolore, ma a giudicare dal risultato, ne valeva la pena.

316px-cary-yale_tarot_deck_-_death
La Morte (Bonifacio Bembo)-Wikipedia

A proposito di morte, per introdurre “Diary of a madman” del quale parlerò in un futuro ancora indefinito, magari l’anno prossimo visto l’anniversario, sappiate che questa è la canzone che voglio al mio funerale:

 

 

19 marzo 1982

Postato il Aggiornato il

Randy Rhioads(06/12/1956-19/03/1982)
Randy Rhoads
(06/12/1956-19/03/1982)

Sento da un po’, una vocina ripetermi che questo blog sta diventando sempre di più music-addicted (del resto io sono music-addicted, che diavolo!), adesso la stessa vocina potrebbe anche iniziare a fare gli scongiuri visto che dopo Clive Burr, oggi voglio parlare di un grande chitarrista che ha lasciato questa terra 31 anni fa oggi. E dirò di più, lo voglio fare in tributo alla sua bella personalità e a tutte le meravigliose sensazioni che mi ha trasmesso nei due primi album di Ozzy Osbourne.

Si tratta del grandissimo Randall William Rhoads, che, dopo una breve carriera con altri artisti (su tutti i Quiet Riot), approdò alla corte del Madman per registrare solo due dischi, che però lo proiettarono direttamente nel gotha dell’heavy metal: si tratta di “Blizzard Of Ozz” (1980) e “Diary Of A Madman” (1981). Come sia possibile lasciare un segno indelebile nella storia della musica pesante con solo due dischi è una cosa che si può capire solo ascoltandoli. Sarà suggestione, sarà enfasi, sarà quello che volete ma a me le sue note fanno ancora rizzare i peli sulle braccia e quando sentii Joe Holmes (chitarrista di Ozzy nella seconda metà degli anni ’90) rifare “Mr. Crowley” esattamente uguale al suo maestro avevo le lacrime agli occhi.

Non ne capisco molto di tecnica chitarristica, non ne so un granché di scale e di assoli, eppure a me Randy fa esattamente questo effetto: pizzica una qualche remota corda nella mia interiorità e mi fa vibrare esattamente come farebbe con una les paul. I dischi registrati con Ozzy sono ancora oggi tra i pochi in grado di rifarmi spuntare il sorriso quando ho il morale a terra, sono pieni (almeno per me) di energia e di voglia di vivere; dei veri e propri luoghi nei quali rifugiarmi quando inizio a vacillare verso il pessimismo e verso tutto quello che comporta.

La sua dipartita è ancora più tragica perché assurda nello svolgimento: è un inaccettabile scherzo degli eventi, una insopportabile tragedia in termini eppure, 31 anni dopo, è ancora decisamente reale e tangibile nella sua ineludibile assenza di senso. Difficilmente basteranno queste poche righe per rendergli onore come merita, ma sono bastate quelle poche note a fargli guadagnare un posto unico ed insostituibile in me. Grazie Randy!

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=ZcoweoZ6jpM]

Liberatelo!

Postato il

Ozzy Arrested

Hammersmith Odeon UK September 20, 1980

Darei davvero qualche soldo per poter assistere a un concerto come questo! Buon sabato a tutti!

Mental wounds not healing, life’s a bitter shame

Postato il Aggiornato il

Foto tratta dal libretto del CD di “Blizzard Of Ozz”

Devo aver già parlato dei dischi come beni rifugio (altro che oro), e sicuramente devo aver già parlato di questi due dischi perchè sono una costante che ritorna. I dischi sono indiscutibilmente beni rifugio, avere un paio di armadi pieni di CD, diverse scatole piene di vinili, altri scatoloni pieni di cassette e cassetti pieni di articoli, foto, autografi, oggettistica della più varia sulla musica, significherà pure qualcosa: significa che ogni oggetto racconta e racchiude una storia, significa che ogni passaggio ha in se la potenzialità di riflettersi nel tuo spirito e di commuoverti col suo carico di ricordi e sensazioni, con il suo immaginario, la sua atmosfera, i suoi testi, il suo momento storico… le sue note.

La musica ha la potenzialità di dialogare direttamente con la tua parte più intima con un linguaggio assolutamente unico, atavico, affascinante ed è l’unica arte che non necessita di un supporto materiale perchè è puro lirismo che si impadronisce dell’etere, fa vibrare l’aria con un’intensità lacerante eppure bellissima. Ed è tua, è una comunione di forza che finisce per mantenerti vivo, anche se dopo 1000 dischi ascoltati sembra scemare, diventare banale e già sentita, basta un’ unica nota, un unico attacco per ricordarti che tu sei ancora qui, che la storia continua, che nessuno ha ancora zittito le casse della tua camera, le cuffie del tuo apparecchio portatile, che la bellezza ancora esiste ed è commovente, che anche se stai solo sopravvivendo potresti tornare a vivere presto.

Dopo un fine settimana passato ad essere ostaggio dell’angoscia e del dolore esistenziale a tratti viola come un livido, a tratti nero come un abisso (vedasi post precedente) lunedì mattina si presenta come una scommessa persa in partenza con i soliti incubi a girarti attorno come un branco di squali. Finchè un pensiero si fa strada, una semplice passeggiata per i boschi, senza troppe pretese, visto che non mi va di portarmi dietro il CD portatile, prendo in mano lo stumento di tortura meglio noto col nome di cellulare, guardo fra i vari album presenti all’interno finchè l’occhio non mi cade su “Blizzard Of Ozz” e mi dico perchè no? Se non mi salva questo, son messo male sul serio…

Inutile dire che dopo due note il disco mi salva in pieno, ho davanti la faccia sorridente di Ozzy e la chitarra a pois (lo sfondo di questo blog, pur essendo neve che cade, diventi per un momento un orgogliosissmo tributo!) di Randy e loro ritornano vivi davanti ai miei occhi ed è come se dalla loro amicizia, della quale si può avvertire la presenza in ogni singola canzone che hanno inciso assieme, del loro innegabile momento di grazia, fossi invitato a partecipare anche io. E rieccomi lì a seguire ogni assolo con la pelle d’oca, a canticchiare ed annuire ad ogni parola, a sorridere pensando a come possano cambiare le cose quando sei in presenza di qualcosa di assolutamente unico, della magia pura.

Lacrime che rimangono negli occhi durante “Goodbye To Romance”, che per molti può apparire come l’esnnesima ballatona strappalacrime degli anni ottanta, personalmente invece è un tributo nei confronti di tutte le persone che, per un motivo o per un altro, non fanno più parte della mia vita. Sia stato un evento tragico, una furiosa litigata, un triste malinteso o una dolorosa impossibilità a negarci la possibilità di stare ancora vicini, non importa, io li porto ancora tutti con me, specialmente gli ultimi due che si sono allontanati, due ai quali, per ragioni diverse, non ho mai smesso di pensare e per i quali non riesco a smettere di soffrire. Brividi sulle braccia durante gli assoli in “Mr. Crowley” mi riportano alla mente quando li vidi eseguiti dall’allievo Joe Holmes al Palatrussardi (che magari aveva già cambiato nome) nella seconda metà degli anni ’90, la solita frase in “Steal Away (The Night)” quando Ozzy canta “Runaway with me tonight” ed io penso (fin da quando la sentii per la prima volta) che si riferisca a me e che, da buon amico, possa davvero allontanarmi da tutta questa miseria… questo disco ha tanto, ha tutto al suo interno e nemmeno il pessimo gusto in fatto di suoni (batteria e testiere soprattutto) propri del periodo è riuscito a rovinarlo. Magari rimango mesi senza ascoltarlo, ma, come un buon amico che abita lontano, so che ogni volta che lo rispolvero, lui fa lo stesso con me e con le mie sensazioni, i miei sentimenti.

Si può dire tranquillamente lo stesso del disco successivo “Diary Of A Madman” dal quale è tratta la canzone che forse più di tutte è in grado di toccarmi l’anima ovvero “You Can’t Kill Rock And Roll”, la stessa che mi piacerebbe sentire al mio funerale… inutile dire che quando questi due capolavori hanno compiuto trent’anni e sono stati rimessi in vendita sottoforma di cofanetto, ho messo immediatamente mano al portafoglio: apparirà come una bieca operazione commerciale, ma per me, stavolta, era solo un modo colossale di dire GRAZIE!!!

Per quelli che all’epoca seguivano aggiungerò che questa, per ingenuità, sembra quasi una lettera ad H/M e la cosa mi inorgoglisce, sappiatelo!