David Bowie

Going Through Changes

Postato il Aggiornato il

E’ l’alba appena fuori Milano, anzi è prima dell’alba. Le figure si muovono come spettri senza volto e senza umanità nella bruma del primo mattino. E io sbaglio tragicamente strada: una volta in più, la città non fa per me, nemmeno quando c’è poco traffico. Non reggo quel gomitolo impersonale di strade, quel continuo e caotico ingarbugliarsi di vite e di linee. Linee come strade, rotaie, navigli, fili elettrici, tubature. La tensione sale dall’ asfalto, diretta. Arriva come un clacson a ciel sereno. E mi scatena la tempesta. Mi tende i nervi.

Mi infilo a forza per le strade, tirandomi dietro gli strali. Mi incuneo alla fine di un semaforo giallo, magari un occhio elettrico mi sta spiando a scopo estorsivo. Non puoi mai saperlo. Ma continuo ad essere teso, non posso ascoltare nulla che sia teso come me.

Mi sono portato Mark Lanegan apposta, la sua nuova raccolta è uscita da poco. “Mocking birds” mi avvolge come una morbida ventata di malto, appena irruvidita da un sentore di torba. Quando alzo gli occhi mi accorgo che la luce sta cambiando. Quando mi guardo dentro mi accorgo che io sto cambiando.

Un po’ di tempo c’era su internet un giochino secondo il quale la prima parola che scorgevi in un’insieme di lettere avrebbe rappresentato il tuo nuovo anno. Magari a volte ci prendono, la mia era “experience”. Certo, se il mondo fosse un posto perfetto, subito dopo avrei vinto un viaggio all’indietro nel tempo a vedere l’unica, vera e leggendaria “Experience” quella con la “E” maiuscola, quella ai cui concerti le chitarre suonavano come treni e poi prendevano fuoco.

Ovviamente l’esperienza in questione è molto più terra terra ma, per riprendere le fila, è una cosa che ho voglia di fare, una cosa per me abbastanza nuova, che, ovviamente, per gli altri è normale. Tutto ciò non significa che abbandonerò le cose in cui credo, tenterò di farle coesistere, a modo mio. Finora l’esperimento è sempre più o meno fallito, ma stavolta le premesse sono molto migliori.

Certe cose dentro di me non sono fatte per essere cambiate: ci ho messo una vita a capire chi sono e cosa voglio, non sarà quest’esperienza a farmi buttare le altre alle ortiche, non sarà questa a farmi dimenticare chi sono. Ho amato gli ideali, ho sacrificato tanto per essi ma mi sono accorto che alla fine soffocano. Ti fanno mancare l’aria. Hanno spire da boa constrictor e stringono. Loro resteranno lì a ricordarmi a quale asintoto io debba tendere, ma mi lasceranno respirare stavolta.

Watch out ya rock’n’rollers

Febbre da classifica

Postato il

Wayne's world Top Ten
Wayne’s world Top Ten

E’ nata prima la musica o sono nate prima le classifiche? La musica, ma non di tanto perché è risaputo che molti appassionati musicali hanno l’hobby della classifica. Quella più triste e banale riguarda le vendite, ma spesso non tiene conto della qualità. Poi ci sono varie classifiche: in base ai generi, al tema delle canzoni e al momento che si sta vivendo… c’è chi ha addirittura scritto un romanzo nel quale le classifiche giocano un ruolo fondamentale (per chi non lo sapesse è “Alta fedeltà” di Nick Hornby ed è carino come libro).

Però devo fare una rivelazione a tutti voi: è masturbazione mentale! Non serve a nulla! Per quanto in alcuni casi sia divertente farle, e da bravo appassionato l’ho fatto fieramente anche io, la loro utilità al di fuori dell’estro del momento è inesistente: non significano niente.

Conteggiare i sentimenti? Quantificare le sensazioni? Dare una posizione al trasporto? No, noi non lo permetteremo! Sempre se mi è permesso citare John Keating o Robin Williams che sia.

Per quanto sia divertente, come è divertente anche fare le playlist, devo dire che mi sento molto meglio a non cercare di mettere prima questo o quell’artista, certo, capita ancora di lasciare libero spazio ai gusti personali, ma sto molto meglio, fruisco molto di più della musica, da quando considero ogni artista a sé, da quando li metto molto meno in relazione fra di loro e soprattutto non cerco più di metterli in competizione tra di loro, perché è un po’ come mancargli di rispetto… e non è bello.

Che poi la BBC-radio 2 abbia pubblicato l’ultima, basata sui voti degli ascoltatori sui 100 dischi più programmati, che sia costellata di dischi terribili (guardando i primi tre posti ci si accorge che l’alcolismo la fa da padrone, per non parlare del n.61: David Bowie presente solo con un disco, peraltro tremendo!? o al n.71? I Genesis con “Invisible Touch”? Scherziamo???)  e che non ci sia nemmeno un disco dei 4 di Birmingham è assolutamente un caso…

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=_GgBx7Y0aso]