Indecenze

Italia sì, Italia NOOOOOOOOOOOOO!

Postato il Aggiornato il

Confesso che ci avevo sperato. al punto da averlo quasi rimosso. Quando il più famoso concorso di bellezza della penisola ha smesso di venire trasmesso sulla televisione nazionale, qualcosa dentro si me ha sospirato, di sollievo. Almeno una delle sante istituzioni di questo paese rimpinzato di ridicolo era decaduta.

E davanti a me vedevo tutte quelle persone che di solito si adoperano per smantellare ferocemente le statue dei dittatori, una volta che questi siano stati, giustamente, deposti. Una cosa del genere. Che un paese, culla della cultura come il nostro, fosse ostaggio di una simile anacronistica oscenità reazionaria mi sembrava plausibile, ma a volte i miracoli esistono! Da li a sperare che anche l’altra grottesca demenziale istituzione finisse nello scarico fognario, era un passo breve per me. Che volete: dopo anni di imposizioni al limite delle coprofagia musicale pagate da tutti noi a carissimo prezzo, sono preda di facili entusiasmi.

Ma come è finita lo sapete tutti, a torte in faccia tra i due conduttori e con le mani nelle tasche degli italiani.

“Il Festival di Sanremo costa troppo. È l’analisi della Corte dei conti, che è andata a controllare i bilanci e ha constatato che tra il 2010 e il 2012 il «rosso» accumulato dalla Rai è stato di oltre venti milioni di euro. Il riferimento è alle edizioni condotte da Antonella Clerici e Gianni Morandi (che fece anche il bis): un saldo negativo di 7,8 milioni per il 2010, 7,5 per il 2011 e 4,8 per il 2012.”

Dico: Venti milioni di euro! Non sarebbe ora di finirla, una volta e per sempre?!

Fonte