Justin Chancellor

Il bassista alla riscossa!

Postato il Aggiornato il

Trevor Dunn ed il ruolo del bassista nei Melvins secondo Brian Walsby
Trevor Dunn ed il ruolo del bassista nei Melvins secondo Brian Walsby

Ok, lo so io non faccio testo ed i Melvins nemmeno. Io perché non ho le capacità per essere inserito a pieno titolo nella categoria ed i Melvins nemmeno perché hanno cambiato bassisti con una nonchalance senza pari. Ma io non ho velleità artistiche (mi diverto in compagnia!) ed i Melvins fanno notoriamente quello che vogliono. Tuttavia se guardo alla storia di questo strumento nella musica che amo vengo assalito da una gran mestizia.

L’apporto dei bassisti alla musica pesante è sempre stato legato a quei tre/quattro nomi e spesso nemmeno quello. C’erano imbarazzanti classifiche di fine anno nei giornali specializzati dove vinceva sempre e solo Steve Harris (con tutto il rispetto che merita) alla voce “miglior bassista” anche perché non si sapeva chi votare, produzioni (soprattutto anni ’80, ma anche dopo) che non concedevano nulla a questo strumento ed eri già fortunato se tendendo l’orecchio e sforzandoti riuscivi a sentire qualcosa. Urgh.

Certo di nomi ne son sempre circolati dai precursori Lemmy e Geezer Butler, fino allo stesso Harris, poi gente come Steve DiGiorgio, Robert Trujillo (anche se poi si è unito ad un gruppo innominabile), Cliff Burton, Les Claypool, Al Cisneros, Justin Chancellor e lo stesso Trevor Dunn o gruppi come i misconosciuti Godspeed con due bassi addirittura. Però a me è sempre sembrata una sorta di ghettizzazione dello strumento, una potenzialità espressiva sfruttata poco e male, mi ha fatto sempre una gran tristezza, anche se qualcosa è stato fatto in tempi recenti, arriverà mai l’ora del riscatto definitivo?

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=6O9zMnwD65Q]