L’Attimo Fuggente

An absolute beginner

Postato il Aggiornato il

The Road Not Taken

Two roads diverged in a yellow wood,
And sorry I could not travel both
And be one traveler, long I stood
And looked down one as far as I could
To where it bent in the undergrowth;

Then took the other, as just as fair
And having perhaps the better claim,
Because it was grassy and wanted wear;
Though as for that the passing there
Had worn them really about the same,

And both that morning equally lay
In leaves no step had trodden black.
Oh, I kept the first for another day!
Yet knowing how way leads on to way,
I doubted if I should ever come back.

I shall be telling this with a sigh
Somewhere ages and ages hence:
Two roads diverged in a wood, and I —
I took the one less traveled by,
And that has made all the difference.

Raramente partecipo a certi tests che si possono trovare in rete. Il primo giorno dell’anno però decisi di fare una piccola eccezione per uno dei suddetti in quanto mi veniva proposto da una carissima amica e aveva la bizzarra pretesa di svelare quale poema fosse stato scritto per me. Ne è uscita la famosa lirica di Robert Frost che potete leggere qui sopra. Mi sembra un ottimo auspicio ed un invito a rileggerla per l’ennesima volta. Incredibilmente il test ci prese.

Forse io ne avrei citate altre, ma questa calza a pennello. Peccato che la moda delle citazioni voglia che di questo brano di alta poesia si citi solo l’ultima strofa. Prendete “l’attimo fuggente” o “daunbailò”: in entrabi i casi si pone l’accento sul lato individualista ed anticonformista della poesia, difficilmente si posa l’attenzione sulla parola “sigh” o sul fatto che il poeta si dispiaccia di non poter prendere entrambi i sentieri.

L’anticonformismo senza la visione generale significa poco. La vita senza l’esperienza consapevole forse ancora meno. E continuo a subire il fascino di questa parola.

Andare contro corrente per partito preso significa ben poco.

Andarci perché si dissente a ragion veduta ha senso. Senza dimenticare che a volte è necessario sporcarsi le mani, scendere dabbasso e vivere affrontando cose alle quali saremmo in teoria contrari, passare dalla parte di chi è convinto di aver ragione pur avendo torto: avere il quadro completo della situazione insomma.

La novità per il 2015 è che, forse, non riesco più a vivere di assoluti.

Febbre da classifica

Postato il

Wayne's world Top Ten
Wayne’s world Top Ten

E’ nata prima la musica o sono nate prima le classifiche? La musica, ma non di tanto perché è risaputo che molti appassionati musicali hanno l’hobby della classifica. Quella più triste e banale riguarda le vendite, ma spesso non tiene conto della qualità. Poi ci sono varie classifiche: in base ai generi, al tema delle canzoni e al momento che si sta vivendo… c’è chi ha addirittura scritto un romanzo nel quale le classifiche giocano un ruolo fondamentale (per chi non lo sapesse è “Alta fedeltà” di Nick Hornby ed è carino come libro).

Però devo fare una rivelazione a tutti voi: è masturbazione mentale! Non serve a nulla! Per quanto in alcuni casi sia divertente farle, e da bravo appassionato l’ho fatto fieramente anche io, la loro utilità al di fuori dell’estro del momento è inesistente: non significano niente.

Conteggiare i sentimenti? Quantificare le sensazioni? Dare una posizione al trasporto? No, noi non lo permetteremo! Sempre se mi è permesso citare John Keating o Robin Williams che sia.

Per quanto sia divertente, come è divertente anche fare le playlist, devo dire che mi sento molto meglio a non cercare di mettere prima questo o quell’artista, certo, capita ancora di lasciare libero spazio ai gusti personali, ma sto molto meglio, fruisco molto di più della musica, da quando considero ogni artista a sé, da quando li metto molto meno in relazione fra di loro e soprattutto non cerco più di metterli in competizione tra di loro, perché è un po’ come mancargli di rispetto… e non è bello.

Che poi la BBC-radio 2 abbia pubblicato l’ultima, basata sui voti degli ascoltatori sui 100 dischi più programmati, che sia costellata di dischi terribili (guardando i primi tre posti ci si accorge che l’alcolismo la fa da padrone, per non parlare del n.61: David Bowie presente solo con un disco, peraltro tremendo!? o al n.71? I Genesis con “Invisible Touch”? Scherziamo???)  e che non ci sia nemmeno un disco dei 4 di Birmingham è assolutamente un caso…

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=_GgBx7Y0aso]