Liverpool

Beatlesiani di tutto il mondo unitevi!

Postato il

The Beatles

Ebbene oggi sono cinquant’anni dall’uscita di “Love me do”, cinquant’anni nei quali il mondo musicale non è più stato lo stesso, cinquant’anni nei quali i giovani hanno acquistato consapevolezza di loro stessi, cinquant’anni nei quali l’ombra dei quattro di Liverpool è avvertibile in molte delle canzoni che hanno dominato la scena.

Auguri!

Per quanto mi riguarda l’impatto con Liverpool è stato piuttosto difficile, è la classica cittadina sul mare che risente moltissimo della presenza del porto e, fin quando si tratta di visitare il museo dei fab-four, è un posto accogliente che quasi ad ogni passo ti fa chiedere che cosa potessero mai combinare i quattro, se avessero mai calpestato la stessa banchina dei docks sulla quale ti sei fermato un attimo a guardare quel mare scuro (ma scuro veramente) che si muove anche di notte e non sta fermo mai… e poi trattieni a stento le emozioni quando, visitando il museo, arrivi in una stanza tutta bianca nella quale ci sono il pianoforte e gli occhiali rotondi di John Lennon.

Dopo poco però scende la sera e ti accorgi del lato oscuro della città, di quei vialoni lastricati che salgono verso l’alto in centro, ma soprattutto dei vicoli laterali bui e stretti nei quali vedi succedere letteralmente di tutto e nei quali, dici a te stesso, non metterai mai piede. Per le strade è una scorribanda, le donne semisvestite al mese di ottobre che si prendono per i capelli in mezzo alla strada in preda a chissà quali fumi, gli incroci presidiati da poliziotti a piedi ed a cavallo …e cominci a chiederti se ne uscirai vivo! E’ il classico posto dove sarebbe il caso di avere gli occhi anche dietro la testa.

E finisci, inevitabilmente, per chiederti se fosse la stessa cosa cinquanta/sessanta anni fa, in che razza di ambiente fossero cresciuti i quattro e come si presentasse il Cavern, noto locale nel quale si esibivano: all’interno del museo c’è una ricostruzione… un posto decisamente minimale con un palco grezzo e le sedie di legno che potrebbero provenire da un soggiorno povero e poco altro… decisamente un posto difficile da immaginare oggi, benché sia ancora al suo posto.

In definitiva non so che specie di brodo primordiale abbia potuto far nascere i Beatles, ma sono felice che, nonostante tutto, sia successo!

Buon compleanno, Love Me Do!!!