Radio

Surfing the radio waves.

Postato il

Tempo fa detestavo la radio. Poi ho scoperto ci sono radio e radio. E che quelle che detesto io sono le radio commerciali. Quelle che si fanno fare le scalette dalle case discografiche. Quelle capaci di mettere lo stesso pezzo fino allo sfinimento, fino a farti il cervello in poltiglia al punto di volere quel brano, nonostante tu l’abbia sentito anche 5 volte in un giorno. A queste radio voglio dichiarare apertamente il mio disprezzo, il fatto che non sopporto di sentire un brano in continuazione. Che mi annoiano a morte e che sono pericoloso quando mi annoio. E soprattutto che sono immune ai loro meccanismi, nonostante il fatto che a volte mi tocchi ascoltare le loro tristi litanie anche per otto ore al giorno. Mi fanno una gran pena come i loro ascoltatori convinti.

E poi ci sono le radio fatte come si deve, anche se non trasmettono la musica che piace a me. Sarebbe ingiusto sparare a zero. Ma, a volte, hanno il potere di farmi uscire dalla grazia di dio anche loro. Oggi a mezzogiorno c’era Michele Serra (personaggio stimatissimo fin dai tempi di “Cuore”) che presentava il suo nuovo libro, che non ho letto e del quale quindi non parlo. Peccato che poi parta un brano dei Baustelle intitolato “Charlie fa surf”. Un brano che mi fa arrabbiare da morire.

D’estate i cinema a Roma sono tutti chiusi, oppure danno film come “sesso amore e pastorizia” o horror come “Henry” oppure dei film italiani… della musica italiana. Che generalizzano. In modo squallido.

Intanto il tono del cantante mi fa ribrezzo. Totalmente senza nerbo. Se il protagonista della canzone esagera con l’mdma, lui mi sa che saccheggia il frigo in cerca di Valium. E poi mi viene in mente che non ne posso più di certe generalizzazioni facili. Non ne posso più dell’idea dell’italiano medio da film di Alberto Sordi. Mi da fastidio come ne escono i quindicenni. Mi da fastidio che c’entri anche Cattelan. Fa molto chic, ma che palle. Sta solo a te non farti inchiodare le mani ad un banco da due lapis. Sta solo a te ribellarti alla coprofagia culturale della quale la scuola si macchia molto spesso (ma non sempre). E sì, sto citando Pasolini e Salò.

Per la verità sta anche a te non mandare due cosiddetti comici che non fanno ridere a ritirare un premio.

Io a quindici ero giovane ed incazzato col mondo. Non sapevo cosa fossero le droghe sintetiche e sognavo di rompere tutte le consuetudini e le regole sociali non scritte. Ascoltavo Hardcore Punk e leggevo “Il Maestro e Margherita”, anche se con fatica. A quindici anni mettevo mimetica, anfibi e kefiah, non sospettando nulla dell’11 settembre. A quindici anni cercavo di essere lucido e ribelle e non sapevo cosa fosse una drum machine (mi fa tristezza anche adesso). A quindici anni non scendevo a compromessi ed ero duro e puro, pensavo che la rivoluzione si facesse restando fedeli a noi stessi e non essendo “contro” ad ogni costo.

Rimasi in classe da solo mentre gli altri andavano per le strade a strillare per non mancare di rispetto ai miei, andando senza autorizzazione: in fondo era solo un modo per bucare le lezioni. Parlai coi professori, che per una volta, si sforzarono di dialogare. Uno di loro era un mio idolo. Non ero nulla che si possa trovare tra le righe di una canzone snob, da finti alternativi squallidi. Sicuramente non avrei mai mischiato il metal con l’ r’n’b. E continua a piacermi l’odore del napalm al mattino, se significa vincere su certi personaggi.

More than I can say

Postato il Aggiornato il

Ogni metallaro ha i suoi scheletri nell’armadio.

Il metal è un genere che ha sempre avuto questa patina dura e pura sulla superficie, non importa quanti Mike Patton, Les Claypool, Greg Anderson possano comparire improvvisamente sulla scena, poco importa anche che esisatano gruppi che rimescolano tutto come l’ondata crossover, certe regole non scritte non le puoi tralasciare.

Non puoi, fanno parte del metal come la musica stessa, l’essere duri e puri, alieni ad ogni compromess (…Freud ed il sess, scusate mi si è intrufolato il Sig. Gaetano…) assolutamente insofferenti a tutto ciò che non contempli una chitarra distorta ed una batteria con due casse…

E’ anche anche divertente ad un certo punto, fa molto naif, per voler sintetizzare. All’inizio quel che mi attraeva di questo genere era assolutamente il fatto che respingeva automaticamente il 95% delle persone (una scrematura notevole, ne converrete), era il fatto che non sopportavo assolutamente di farmi riempire le orecchie con i sentimentalismi da quattro soldi di TUTTA la musica leggera italiana (anzi, visto che non avevo una vita sentimentale, mi sarebbe piaciuto rispondere per le rime con testi che parlano di sbudellamenti assortiti), oppure di mischiarmi anonimamente alla massa. Per me il metal era una bella risposta al disagio, solo dopo ho imparato ad apprezzarne i tratti nascosti sotto la superficie ed è diventata la MIA musica ufficiale.

Ma non divaghiamo: mi infervoro sempre troppo a parlare di certe cose… il punto, questa volta, è un altro: alcuni dei miei scheletri nell’armadio , almeno quelli di cui voglio trattare oggi, riguardano il periodo pre-metal. Cose insignificanti come “Thriller” Michael Jackson (a mia difesa il video e la voce di Vincent Price), un po’ di DJ Television e una radio alessandrina che trasmetteva un demenziale programma di dediche e richieste con tutte le peggiori nefandezze del periodo.

Non so più se fu a causa del programma radiofonico o di quello televisivo che venni in contatto con la canzone della quale sto per parlare… poco importa, importa che al mio cosiddetto lavoro, ascoltiamo spesso Radio Capital ( già di per sè ascoltare la radio è una cosa che non farei, ma alla fine non è male e c’è Mixo, un dj al quale sono affezionato, per aver fatto parte di Planet Rock della Rai, ed aver suonato dischi in un locale che ero solito frequetare) che ad un certo punto ha deciso di trasmettere una canzone finita troppo velocemente nel dimenticatoio insieme alla paccottiglia pre-metal.

Quando vai in Gran Bretagna, ti accorgi di aver fatto il salto di qualità, dal punto di vista linguistico, quando incominci a cogliere le singole parole nelle canzoni, cosa che, con un inglese da superiori, è sempre piuttosto difficile. Ebbene, la suddetta canzone, non ti respinge con milioni di watt, anzi ha un tono calmo, sofisticato e quasi consolatorio, ti invita ad entrare per poi pugnalarti con gli stiletti inseriti subdolamente nel testo, accidenti a loro ed anche a me che mi ci ritrovo. Buon ascolto.