Rage Against The Machine

Fondata sul Lavoro

Postato il Aggiornato il

Mi auguro che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro” sia un passo famigliare a chiunque capiti su queste pagine. Esatto, questo è l’ennesimo scritto incentrato sulla nostra Costituzione, siete stati avvertiti. Nulla di originale. Da Benigni a Don Gallo (sempre nel mio cuore) questa benedetta Carta Costitutiva è stata sulla bocca di molti negli ultimi tempi, forse perché qualcuno la vuole snaturare, forse perché non sarà mai citata abbastanza: sarebbe bello che lo fosse perché dal dopo guerra ad oggi è indubitabilmente la cosa migliore che sia mai stata fatta dai politici nel nostro paese. Siamo un gran popolo se per arrivarci siamo dovuti passare attraverso monarchia, dittatura ed un paio di guerre mondiali, non dubitate.

Ciò nonostante ci siamo arrivati, nonostante ogni dissenso o voce contraria ci siamo arrivati. Ed il passo sopra riprodotto posso dire che è il più difficile da accettare, almeno per me. Perché se nelle intenzioni dei padri costituenti, il lavoro doveva essere un mezzo di emancipazione e sviluppo, un meccanismo per l’evoluzione di un popolo, uno strumento per poter evolvere ed esprimersi come esseri umani, anche semplicemente avendo una vita (che comprenda o meno una famiglia una casa e quant’altro) sfido chiunque a dimostrarmi che lo sia effettivamente stato, se non in isolatissimi e fortunatissimi casi che, comunque, non fanno statistica.

Da quando sono entrato nel mondo del lavoro, quella parola non ha mai assunto nulla di nemmeno lontanamente affine al significato inteso da coloro che redassero la famosa Carta. Mai. Se escludiamo una parentesi durante un tirocinio all’estero (guarda a caso) il lavoro è sempre stato un termine legato a furberie, corruzione, invidie, straordinari non retribuiti, contratti ridicoli, condizioni di sicurezza inesistenti, norme non rispettate, arroganza e prevaricazione. Come sempre l’intenzione era buona, i risultati pessimi. E, anche volendo prescindere dalla mie esperienze (comunque non felici), non dovrei essere io a ricordare che la statistica, taciuta quando lontana dal sensazionalismo, delle cosiddette  morti bianche che, nella tragedia, non è che la punta di un iceberg spaventoso. Quindi non sono più sicuro che “lavoro” abbia quel significato alto e nobile che gli si volle attribuire ai tempi. Non sono più sicuro di voler fondare la cosa pubblica su quello che oggi (ma anche prima) si identifica col termine “lavoro”. Le parole sono importanti, ma il significato che assumono alla luce dei fatti non va trascurato.

I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more.
No, I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more
Well, I wake up in the morning
Fold my hands and pray for rain.
I got a head full of ideas
That are drivin’ me insane
It’s a shame
the way she makes me
scrub the floor
I ain’t gonna work on, nah
I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more.
I ain’t gonna work for Maggie’s brother no more
nah, I ain’t gonna work for Maggie’s brother no more
Well, he hands you a nickel
And he hands you a dime
And he asks you with a grin
If you’re havin’ a good time
Then he fines you every time you slam the door
I ain’t gonna work for, nah
I ain’t gonna work for Maggie’s brother no more

I ain’t gonna work for Maggie’s pa no more
No, I ain’t gonna work for Maggie’s pa no more
Well, he puts his cigar
Out in your face just for kicks
His bedroom window
It is made out of bricks
The National Guard stands around his door
I ain’t gonna work, nah
I ain’t gonna work for Maggie’s pa no more
I ain’t gonna work for Maggie’s ma no more
No, I ain’t gonna work for Maggie’s ma no more
Well, she talks to all the servants
About man and God and law
And everybody says
Shes the brains behind pa
Shes sixty-eight, but she says shes twenty-four
I ain’t gonna work for, nah
I ain’t gonna work for Maggie’s ma no more

I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more
No, I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more
Well I try my best
To be just like I am
But everybody wants you
To be just like them
They sing while they slave and just get bored
I ain’t gonna work on, nah
I ain’t gonna work on Maggie’s farm no more

(parole di Robert Zimmerman, alias Bob Dylan)

20 anni? A me sembra ieri!

Postato il Aggiornato il

RATM XX Anniversary Cover

La questione è questa ed è semplice: i Rage Against The Machine fanno uscire oggi una versione rimasterizzata ed espansa del loro disco d’esordio, la versione in questione è ascoltabile, previa registrazione, qui. Un’operazione piuttosto comune e ruffiana di questi tempi, del resto i RATM sono da sempre nel mirino di certi duri-e-puri che sostengono l’impossibilità di poter genuinamente esprimere ribellione incidendo per una major come la Epic, uno dei primi a farglielo notare fu Mike Muir dei Sucidal Tendencies, ma alla fine dei conti fu solo uno dei tanti. Cosa pensarne? Non lo so onestamente, il dibattito è, potenzialmente, senza fine. Io mi limito ai fatti ed i fatti sono che ben pochi dischi al pari di questo (e che non siano HC) hanno saputo canalizzare il sentimento di una sana ribellione sociale, almeno per me. La prima traccia si intitola “Bombtrack” e potrebbe essere tranquillamente il titolo del disco, che, di fatto, è un enorme catalizzatore di rabbia e sembra fatto apposta per farla esplodere con una deflagrazione dirompente. Ebbene sì questo disco funziona e funziona anche a vent’anni dalla prima pubblicazione!

Il resto sono chiacchiere. Anche il fatto di vedere sdoganato il rap in un contesto di musica pesante non mi dispiace affatto, se il risultato merita come in questo caso. Comunque quella era l’epoca del crossover totale, quindi quale periodo migliore? A Los Angeles inoltre la ribellione è assolutamente nell’aria: dopo l’ ignominiosa assoluzione degli autori del pestaggio di Rodney King, esploderà definitivamente il 29 Aprile 1992, un avvenimento che la dice lunga sul sentimento che infervorava gli animi. Un sentimento del quale onestamente sento molto la mancanza oggi.

Rage Against The Machine

A testimonianza di quanto sopra i 16 fuck you del singolo “Killing In The Name”, le apparizioni “nudiste” contro la censura del comitato PMRC di quella simpaticona di Tipper Gore (chissà perché tutti si ricordano sempre e solo del marito), la scalata di Tim C ai Music Award, le campagne per Mamia e la libertà di stampa e di opinione. Successivamente verranno il retrogusto amaro (ma non amarissimo) del secondo lavoro “Evil Empire”, che si è fatto attendere per un tempo allora lunghissimo (4 anni!), per poi possedere ben poco della carica dell’esordio, comunque il gruppo si riprende abbastanza bene nel 1999 con “The Battle Of Los Angeles”, durante il tour del quale ebbi la possibilità di vederli, come testimonia una cassetta registrata nell’occasione nella quale mi si sente urlare come un ossesso!

Successivamente la storia recita che ci sarà solo il tempo per una compilation di cover (“Renegades”) prima che il cantante segua i suoi progetti (tutti più o meno inconcludenti) ed il resto del gruppo si unisca a Chris Cornell dei Soundgarden per formare i, non ispiratissimi, Audioslave. Ovviamente si sono riformati di recente, facendo dei concerti e nulla più, questo a testimoniare che, escludendo il primo lavoro, produrre del nuovo materiale è, per loro, un’impresa quantomai ardua.

La tempesta dopo il sorriso

Postato il Aggiornato il

In questi giorni è stata rilevata una tempesta solare di proporzioni ragguardevoli, tanto da poter provocare malfunzionamenti nei sistemi gps, nelle reti elettriche e danneggiare i satelliti che orbitano attorno al nostro pianeta.

Gli effetti (aurore boreali comprese) potrebbero già manifestarsi questa sera e fino alle 6 di domani mattina. Ironicamente viene da pensare che, quando ti sbagli a sorridere pensando che vada tutto bene, poi la tempesta sia sempre in agguato dietro l’angolo. Non c’erano dubbi.

1.Black Sabbath “Under The Sun”

Canzone principe, per quello che mi riguarda, nel rivendicare la propria secrosanta indipendenza di pensiero e di opinione. Oltre ad un’altrettanto giustificata scarsa fiducia nel prossimo…

I wanna live my life, I don’t want people telling me what to do
I just believe in myself, ‘cause no one else is true

[Ogni giorno poi è d’obbligo per me rivolgere un pensiero a Tony Iommi]

2. Soundgarden “Black Hole Sun”

Si diceva, è il 1994 e tutto va bene. Attesi l’uscita di “Superunknown” per diverso tempo e poi i Soundgarden divennero un fenomeno mondiale grazie a questa canzone che, a detta di una mia cara amica -tra i loro fan più accaniti- non sembra nemmeno scritta da loro… Io speravo soltanto che prima o poi il sole lavasse veramente via la pioggia e ci spero anche adesso che il cielo è molto,molto più cupo.

3. Nirvana “All Apologies”

“In the sun I feel as one”.

4. Rage Against The Machine “People Of The Sun”

“Yeah, people come up!”.

5. PJ Harvey & John Parish “Un Cercle Autour Du Soleil”

Un brano strano, tratto da un disco stranissimo, eppure affascinante.

6. The Animals “The House Of The Rising Sun”

7. The Doors “Waiting For The Sun”

“A flash of Eden” ne avrei davvero bisogno.

8. The Cult “Sun King”

9.The Police “Invisible Sun”

10. Mogwai “The Sun Smells Too Loud”

“Conoscerete la verità e la verità vi farà liberi” (Gv 8,32)

Postato il Aggiornato il

Temete che un post dove si cita satana, come il mio precedente (tra parentesi il satanista è Marc Almond, non io!) sia un tantino indigesto? Ebbene, non pensavo che lo avrei mai fatto, ma parlerò qui del vangelo di Giovanni. La frase che sta in cima al post è stata un di quelle sulle quali ho riflettuto maggiormente nell’ultimo periodo è, sorpresa delle sorprese, una delle cose più vere che mi sia mai capitato di leggere. Senza verità non c’è libertà, non bisognerebbe averene paura però a tratti succede, eppure ogni volta che nascondiamo una realtà tarpiamo la libertà del nostro interlocutore.

Poichè se non sappiamo i tutti i termini di un problema, non siamo liberi di trovare la soluzione più adeguata. Dunque la verità è la condizione prima per pensare di potersi avvicinare ad essere liberi (e conspevoli), dando comunque per assodato che la verità assoluta non esiste, ma è piuttosto un asintoto a cui tendere, esattamente come lo è la libertà, come lo sono gli ideali. Senza asintoti non si avrebbe comunque nulla a cui tendere e si sprecherebbe energia cambiando continuamente direzione, finendo per non andare da nessuna parte.

Inoltre quando nascondiamo la verità, magari anche in buona fede, neghiamo fiducia al nostro interlocutore… pensando che non sia in grado di capire o che la verità lo ferirebbe troppo, gli precludiamo comunque la possibilità di poter capire senza che ci giudichi o salti alle conclusioni. In definitiva se stimiamo qualcuno occorre dimostrarglielo comunicando e fidandoci, l’unico problema è che bisogna capire con chi questo sia possibile, perchè il mondo può davvero magiarti vivo a volte…

[Fin troppo serio questa volta indi…]