Refused

“What frequency are you getting?

Postato il

Refused
Refused

…Is it noise or sweet sweet music?”

Ho bellamente ignorato i Refused fino al 2004, nonostante il loro capolavoro “The shape of punk to come” (titolo che omaggia Ornette Coleman) fosse già uscito da 6 anni e fosse riconosciuto da più parti come un lavoro di assoluto valore. A volte capita che tralasci volutamente, o quasi, un disco o un gruppo -mi ricordo che successe anche con “Killers” degli Iron Maiden o con “The Ultimate Sin di Ozzy- con il risultato che, quando poi ti si accende la lampadina, o hai dei soldi da investire in supporti ottici o vinilici, il disco in questione ti investe con una veemenza ancora più incontrollabile.

Ed è questo il caso: il disco mi si para davanti in un negozio, abbastanza megastore, di Chester in Inghilterra e ricordo distintamente che pensai: ecco adesso è il caso di ascoltarlo. Una folgorazione. Il disco sembrava esattamente la ventata d’aria fresca della quale un genere come l’HC, ma anche il punk in generale, avevano assolutamente bisogno. Personali, ispirati e dannatamente concreti nella loro lucida ribellione… e sembra assurdo che siano degli Svedesi di Umeå, una cittadina che sembra lontana da tutto, a mostrare una simile rabbia canalizzata perfettamente nell’etica inviolabile che li caratterizza e anche nella loro proposta musicale.

La Svezia sembra uno dei posti più civili del mondo ma, magari, proprio vivendo in mezzo a tale e tanta socialdemocrazia funzionante magari ci si rende conto di quanta strada ci sia ancora da fare, piuttosto che di quella già percorsa sul sentiero dell’integrazione e della giustizia sociale. Perché anche dal punto di vista dell’impegno, non si tirano certo indietro, riprendendo tutta una serie di temi già proprie di gruppi come Crass, Discharge, Minor Threat o Black Flag, resi naturalmente alla loro maniera e anche con una buona dose di autoironia, come quando scimmiottano la deriva italiana della musica house facendo introdurre un loro brano ad uno stralunato dj di un’ ipotetica radio sole energia. Oltre a questo, nel disco, si notano diverse aperture inconsuete quanto riuscite nei confronti di inserti elettronici o di strumenti non proprio convenzionali come contrabbasso e violoncello.

Con il senno di poi, va detto che passato l’entusiasmo del primo momento, le influenze hanno finito per palesarsi, ma sono comunque assolutamente nobili se pensiamo che il gruppo di riferimento è la creatura di Ian McKaye e Guy Picciotto, ovvero una delle più convincenti compagini del post-HC di Washington DC: i Fugazi, f***ked up situation. Poco dopo l’incisione del loro disco, nella migliore tradizione, il gruppo si scioglie, senza che i membri restino inattivi: Dennis Lyxzén da vita ai The (International) Noise Conspiracy e gli altri ai TEXT. Ed io, con sei anni di ritardo, mi aggiravo sullo storico selciato della capitale del Cheshire urlando “Can I Scream!?” e, probabilmente, facendomi prendere per pazzo dai passanti… tuttora mi esalta fare cose del genere!

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=wQFX6NP8s3E] [youtube http://www.youtube.com/watch?v=cAVhec3SRJg] [youtube http://www.youtube.com/watch?v=m3AoiVMQqX4&feature=endscreen&NR=1]

L’anno degli esordi

Postato il Aggiornato il

Avete mai compilato quelle famose classifiche di fine anno che compaiono su talune riviste musicali, dove viene chiesto al lettore di esprimersi in merito all’anno appena trascorso per quanto concerne le uscite discografiche? Di solito, oltre alle categorie più scontate come “miglior disco”, “miglior cantante” e via discorrendo, compariva anche la categoria che più di ogni altra mi metteva in crisi, ovvero “miglior esordio”. Probabilmente perchè i soldi da spendere erano pochi e prima di buttarti sugli emergenti, spendevi tutti i tuoi malcapitati denari con i nomi più blasonati senza che te ne restassero più per nessun altro, triste ma vero. Crescendo i soldi aumentano ed anche la voglia (un tantino narcisistica, ammettiamolo) di giocare allo scopritore di talenti può essere soddisfatta, tuttavia quest’anno, forse per la prima volta, ho davvero l’imbarazzo della scelta.

I nomi sono tre ed in tre ambiti diversi ma tant’è… per il doom metal ci sono gli inarrivabili Pallbearer, per il rock i Black Moth e per il noise-rock adesso saltano fuori questi Jar’d Loose dalla sweet home Chicago. Negli anni novanta una piccola nicchia di musica pesante fu appannaggio di ragazzi dalla faccia relativamente pulita (benchè costantemente arrabbiata) e dai capelli corti come Unsane, Helmet e Jesus Lizard e la cosa sembrava effettivamente più o meno finita lì. Fino ad ora perchè adesso gli Jar’d Loose sembrano seriamente intenzionati a raccorglierne il pesante testimone ricoperto di polvere e ragnatele soprattutto grazie al suono da urlo della chitarra di Pete Adam Bialecki (veramente, mi manda in sollucchero) e alla vetriolica voce di Eddie Gobbo che canta con una veemenza rara.

Nervosi, potenti e decisamente due lunghezze oltre la rabbia, mostrano una coesione  e una compattezza invidiabile nel suono, portando alla mente altri gloriosi fantasmi del passato come i Prong -in “Rotten Tooth”- e i magistrali Refused -in “Go Down With You”-, insomma un esordio incendiario che, di colpo, riesuma delle sonorità di due decadi fa rendendole assolutamente attuali, rimaterializzando un contesto assolutamente credibile nonostante il tempo trascorso. Per un semplice esordio riesumare efficacemente  (ma non pedissequamente) un atmosfera dimenticata, un tempo passato, un’ira mai sopita non è assolutamente poco…

Jar’d Loose goes to purgatory, too late for apologies!

disco ascoltabile in streaming su Bandcamp