Gatti

Nora In The Sky With Diamonds

Postato il Aggiornato il

Nora In The Sky With Diamonds
Nora In The Sky With Diamonds

Qualcuno si chiederà se ci risiamo coi quattro di Liverpool: solo per il titolo. Il prossimo sarà un periodo davvero duro ed impegnativo, starò poco a casa e molto in giro, non avrò molto tempo per tante cose (questo blog incluso) per almeno un mese. Credo che ne valga la pena, altrimenti non lo farei. Credo che mi serva provare ad impegnarmi seriamente in qualcosa adesso, dopo aver fatto il ribelle per tanto tempo. E’ un’esperienza, qualcosa che voglio fare, un’opportunità che posso finalmente provare a cogliere. Questo non significa che non sarò più io, significa solo che farò esperienza, che farò qualcosa di nuovo.

Mi mancheranno tante cose della mia casa, che, inevitabilmente, finirà per diventare una sorta di albergo. Mi mancheranno tante cose, ma dico così solo perché devo generalizzare. In realtà quello che mi mancherà non saranno affatto “cose”, saranno affetti, e tra questi c’è anche la piccola Nora. Che poi tanto piccola (coi quattro chili abbondanti e la sua personalità esuberante) non è.

Lei è la felina di casa. Ovviamente è molto più di questo. E’ anche la prima felina che ho allevato io in prima persona, non senza aiuto certo, ma l’ho davvero seguita fin da cucciola. Arrivò, preceduta da strazianti miagolii, saranno tre anni il maggio prossimo, dentro uno strano trasportino, fatto a borsa, ma con le grate. Era impacciata, con un pelo ispido e indefinito, come anche il colore dei suoi occhi: era come se fosse un abbozzo di gatta, come se fosse una sorta di disegno preparatorio, uno schizzo del dipinto che diventò poi.

Ovviamente questo rendeva impossibile non adorarla.

Dopo un piccolo incidente, dovuto principalmente al fatto che non avevamo davvero adeguato le casa alle sue esigenze, decisi che avrebbe dormito in camera con me dentro al trasportino, non tanto per tenerla in gabbia ma per evitare che potesse farsi male. Pensai che sarebbe stato un fallimento: non puoi ingabbiare uno spirito libero, per quanto mi renda conto che sia il solito stereotipo sui gatti, comunque è vero.

Nonostante questo, lei dormiva placida dietro la grata, nonostante le mie mille paranoie. Se peccassi di presunzione, mi azzarderei quasi a pensare che abbia rinunciato ad un po’ della sua libertà per me. E’stata gentile. Gentile a dormire tutta la notte e ad aspettare che mi alzassi per mettere fuori una zampa e farmi ciao. E quel ciao mi faceva venir voglia di alzarmi nonostante dentro di me ogni fibra volesse rimanersene nascosta dal mondo e non affrontarlo. Sì limitò a darmi una zampa. Ma contribuì a tirarmi fuori dal torpore che ogni tanto ci avvolge, quando rimaniamo senza difese innanzi al mondo.

A me toccò invece di rinchiuderla in casa per sei mesi su indicazione della veterinaria sadica anche se a ragione, con tutte quelle nuove malattie che i felini si trovano a dover affrontare oggigiorno. Non fu un gran ringraziamento da parte mia, ma spero di averlo fatto per il suo bene. Le diedi poi il nome della protagonista del dramma teatrale di Ibsen (“Casa di Bambola”) perché volevo che diventasse fiera ed indipendente.

Oggi posso dire che le aspettative sono state ben riposte. Lei è uno splendido dipinto vivente, dal pelo lucido e dagli occhi limpidi. Un’amica ed una compagna. Al pari di un essere umano. Ma a modo suo. Con quelle due macchie bianche sotto le ascelle a ammorbidire quel nero lucido e impenetrabile del suo pelo e quella aria propria di chi è conscia della sua stirpe e del suo essere unica ed irripetibile, come ogni essere vivente, anzi, come ogni essere consapevole.

Annunci

William S. Burroughs

Postato il

Il gatto in noi, 1986
Il gatto in noi, 1986
Miss Nora Von Ibsen
Miss Nora Von Ibsen

Mattina

Postato il

Una ennesima mattinata limpida, con gli scuri e la porta imprecisi nel loro adattarsi alle cavità di porte e finestre. Lasciano passare lamine sottilissime di luce grazie alle quale posso indovinare che ora è. Spesso ci prendo, soprattutto con le ore, meno con i minuti, ma è un’abilità che voglio migliorare con l’allenamento. La mattina è problematica, impone delle scelte, distrugge i pensieri della sera prima e li disperde come polvere dai davanzali. La mattina sa di torpore e di occhi che si aprono piano, ma anche di corde vocali inspessite e gola secca, a volte. La mattina non sopporta più lo spot, alla radio, della nutella con Pavarotti, c’è da chiedersi poi a che serva fare uno spot alla nutella, essendo la famosa crema al cioccolato e nocciola il classico prodotto che si vende da solo.

La mattina rifiuta di concentrarsi e di pensare, la mattina porta con se’ pensieri per le persone lontane e poi occhi e fusa feline che presidiano la porta del frigorifero dandoti il buon giorno a modo loro. Di mattina si osserva la brina sulle ragnatele, si stirano i muscoli e si scostano le coperte.  L’aria viziata dal respiro che sovrasta il letto viene spazzata via da una finestra aperta sul panorama contratto dal freddo, acqua gelata sul viso ed acqua bollente nella caffettiera. Mostrare i denti al mondo in un sorriso sforzato.

Wendy nel frattempo non ha più dubbi sull’insania di Jack, quando scopre che i dattiloscritti del romanzo non sono altro che pagine e pagine di una frase ripetuta all’infinito: “Il mattino ha l’oro in bocca”.

Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.Il mattino ha l’oro in bocca.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=seDAcGXSP5I]

Metaldudes Cats Book!

Postato il

Metaldudes Cats Book
Metaldudes Cats Book

Meow! Il metal ama i gatti e a questi inseparabili amici felini è dedicata la pubblicazione, a scopo benefico, Metaldudes Cats Book che ritrarrà alcuni musicisti in compagnia dei loro amici a quattro zampe. Sarà venduta a scopo benefico per raccogliere fondi a favore di appositi rifugi per gatti abbandonati della West-coast americana.

Saranno della partita artisti come Municipal Waste (Dave Witte adora i gatti!), Morbid Angel, Isis, Nausea, Cattle Decapitation (noti attivisti in campo animalista), Phobia, Exhumed e magari qualcun altro.

La monoredazione di Xerosignal2 si unisce idealmente all’iniziativa lodevolissima, tuttavia non amando il protagonismo, lascia definitivamente il palcoscenico alla vera protagonista e ad un suo primissimo piano oculare:

Nora (paticolare)
Nora (paticolare)

I gatti si intrufolano ovunque…

Postato il Aggiornato il

E’ nota la curiosità felina, curiosità che, a volte, come ricorda il proverbio, può condurre a tragiche conseguenze. E’ tuttavia molto meglio quando la loro curiosità li spinge fino a… entrare in alcune delle copertine più famose della storia del rock: succede solo su The Kitten Covers!

Ecco alcuni esempi:

Miskits: Legacy Of Felinity
The Mewges (I wanna be your cat!)
The Mewges (I wanna be your cat!)
Cat Flag
Black Tabbath: Purranoid
The Purr: Felinization

Lucifer Sam e l’allegra compagnia

Postato il Aggiornato il

Solo a un personaggio singolare e singolarmente “stimolato” come Syd Barrett poteva venire in mente l’idea di scrivere una canzone sul suo gatto di questa fattura. Sembra una sorta di colonna sonora di uno 007 strambo o di un Austin Powers più stralunato che demenziale e, per una qualche strana assonanza, indiscutibilmente solo nella mia testa, mi viene da associarla anche a “Shot In The Dark” di Henry Mancini… comunque la sostanza resta: piccoli felini, in arte gatti.

La Dea egizia Bastet

Addirittura nella nuova pagina iniziale, wordpress si dice interessata alle fotografie dei nostri gatti, banale certo, ma alla fine mi va di accontentarli, visto che mi ospitano aggratis. Adoro i gatti e spero di avere sempre la possibilità di averne uno al mio fianco perchè mi fanno sentire una persona speciale, se decidono di adottarmi. E non ho intenzione di rifilare a chi legge la solita storia sul fatto che sia un animale venerato, dai mistici poteri, sul fatto che sia sempre stato presente al fianco dell’uomo, basti la Dea qui a fianco a fare da testimone per tutto questo.

Mi annoia anche terribilmente tutta la diatriba cane/gatto, a ognuno il suo e smettiamo di discuterne subito. Posso dire solo che questo piccolo felino ha, su di me, un fascino quasi incomparabile. Per la sua eleganza nei movimenti, per il suo sguardo magnetico ed enigmatico al tempo stesso, per i suoi atteggiamenti curiosi ed incuriositi, per il suo appartenere ad una nobile dinastia di predatori, del resto “Dio ha creato il gatto per procurare all’uomo la gioia di accarezzare la tigre” e questo credo che sia incontestabile. Inoltre il gatto costringe l’uomo che lo apprezza a dimenticare ogni velleità di comando e a trattarlo da pari, se non da essere superiore addirittura e penso che sia veramente l’unico animale in grado di farci fare una cosa del genere, a meno che non si abiti in una zona di campagna come il sottoscritto poi(la caccia dei topi è ancora apprezzata da queste parti), il gatto non ha nessuna utilità pratica se non quella di far entrare un raggio di eleganza e di bellezza nelle nostre misere esistenze quotidiane, i sentimenti nei loro confronti risultano per questo disinteressati e puri, al punto di sopportarne parecchie per amor loro.

Miss Nora Von Ibsen

Si ma le promesse fotografie? Ebbene eccola la fiera che divide con me gioie e dolori, il suo nome è Nora Von Ibsen (ebbene sì è corredata di cognome!) e tale appellativo è un dichiarato omaggio nei confronti di una delle figure più affascinanti del teatro nord europeo ovvero Nora di “Casa di Bambola” di Henrik Ibsen, che ho sempre ritenuto una sorta di paradigma della figura femminile, della sua personalità nel senso più alto di questo termine, della sua indipendenza e fierezza. Alla fine credo non ci fosse un nome più azzeccato per questa gatta di un anno e cinque mesi, entrata nella mia vita in un momento particolarmente tragico ma che con la sua sola presenza è in grado di far alzare i miei angoli delle labbra, se non è magia questa…

P.s.: Questo non è un tentativo di convertire chicchessia alla gattofilia bensì un esaltazione smodata della categoria e di una appartenente alla medesima in particolare.